Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | novembre 24th, 2014

10 miti sulla creatività in cui anche tu credi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Che la creatività sia una dote innata riservata a pochi eletti o che un’idea creativa giunga all’improvviso bell’e finita sono alcuni dei miti che circondano creatività e pensiero creativo. A questo argomento David Burkus ha dedicato un libro dal titolo The Myths of Creativity, libro molto piacevole che ho appena finito di leggere.

 

Quali sono i miti sulla creatività, secondo Burkus?

1. Mito dell’Eureka: le idee nuove vengono dal nulla.

In realtà, il processo creativo richiede un tempo di incubazione, durante il quale idee e informazioni rilevanti indugiano al di fuori della consapevolezza. Il più delle volte la creazione è un processo, non una lampadina che si accende all’improvviso: è il risultato di un percorso che richiede disciplina, ragionamento e fantasia.

 

miti creatività2. Mito della genetica: la creatività è una dote inscritta nel DNA.

Gli studi non hanno individuato nessun gene della creatività.

 

3. Mito dell’originalità: le idee creative sono concetti interamente originali.

La creatività consiste nella combinazione di idee precedenti o nella individuazione di nuove applicazioni per ciò che esiste già.

 

4. Mito dell’esperto: solo una persona con una formazione specialistica può produrre soluzioni innovative.

Molte idee creative derivano da persone che conoscono un dato ambito ma che riescono a non rimanere bloccate dalle informazioni che possiedono.

 

5. Mito degli incentivi: gli incentivi, monetari o di altro tipo, promuovono la creatività.

La creatività è legata a una motivazione intrinseca, interna alla persona, al piacere e alla gioia nel fare qualcosa.

 

6. Mito del creatore solitario: le idee creative nascono nell’isolamento e dallo sforzo di una persona singola.

La maggior parte delle idee innovative e creative proviene da un gruppo di lavoro formato da persone con competenze di vario tipo, proviene dalla collaborazione. La Cappella Sistina è un capolavoro, ma non l’ha di certo dipinta Michelangelo da solo.

 

7. Mito del brainstorming: la creatività richiede il flusso disorganizzato di idee che viene fuori dal brainstorming.

Il brainstorming in un gruppo di lavoro è un valido strumento solo se calato in una strategia che preveda una sintesi delle idee emerse in modo libero.

 

8. Mito della coesione: un gruppo di lavoro creativo è un gruppo coeso.

Un gruppo che funziona bene non solo tollera il dissenso ma lo utilizza per arricchirsi e percorrere strade nuove.

 

9. Mito del vincolo: i vincoli diminuiscono la creatività ed è meglio disporre di risorse illimitate.

I vincoli sono necessari al pensiero creativo.

 

10. Mito della “trappola per topi”: se è buona, l’idea sarà subito accettata.

Le idee nuove sono spesso rifiutate e vanno pubblicizzate e spiegate.

 

Questo significa che la creatività è potenzialmente alla portata di chiunque, ma richiede fatica. Richiede anche un lavoro fatto da soli e la condivisione in gruppo, un nuovo sguardo su cose già esistenti, la capacità di formulare e tollerare critiche.

 

Per approfondire

David Burkus (2014). The Myths of Creativity. Jossey-Bass.

Aumentare la propria creatività e produttività in 7 mosse

Imparare a suonare “da grandi” è possibile?

 

Photo credit: bplanet

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?