Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | ottobre 22nd, 2012

Adolescenti su Facebook: i genitori dovrebbero preoccuparsi? – parte 1

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi, Facebook è il social network più popolare, con più di un miliardo di iscritti nel mondo. In Italia sono quasi otto milioni gli adolescenti e i giovani adulti, cioè la fascia d’età sino ai 24 anni, presenti su Facebook. Cosa spinge così tante persone a trascorrere su questo social network diverse ore della giornata, immersi in attività di vario tipo? E soprattutto, c’è da preoccuparsi?

 

La vita dell’adolescente

Per rispondere a queste domande è necessario fare riferimento ai bisogni che caratterizzano questa fase della vita, a cominciare dal bisogno di autonomia e separazione dai propri genitori. Sono anni in cui il confronto con i coetanei è di particolare importanza: i coetanei che stanno affrontando le medesime difficoltà e con cui si condividono interessi e valori vengono percepiti come più vicini degli adulti. È per questo motivo che spesso sono loro gli interlocutori privilegiati a cui un adolescente si rivolge per cercare informazioni, scambiare consigli, condividere sogni, angosce ed esperienze. Ed è per questo che, nel distacco dai genitori, l’opinione dei coetanei e la popolarità presso di loro sono di vitale importanza.

 

Perché agli adolescenti piace Facebook?

Facebook consente tutto questo. Facebook è un luogo in cui poter scegliere come mostrarsi ed esprimersi, lontano dal controllo diretto dei genitori. È uno spazio privato che può essere d’aiuto nel costruire la propria identità, cioè nel capire che persona si è e si desidera diventare.

Adolescenti, Facebook e genitori parte 1

Stare con gli altri, dentro e fuori Internet

L’importante non è allora semplicemente essere su Facebook, ma essere apprezzati, raccogliere dagli amici commenti positivi sui propri post o le proprie foto: se il feedback non è quello atteso, la propria presenza su Facebook diventa fonte di malessere e disagio e in alcuni casi può portare a dubitare del proprio valore, provocando cioè un abbassamento dell’autostima.

È raro che gli adolescenti usino Facebook per creare nuove relazioni d’amicizia. Il più delle volte Facebook è solo uno dei tanti strumenti per mantenere relazioni già esistenti con amici intimi, compagni di scuola o semplici conoscenti. Uno strumento che si alterna agli SMS, a brevi telefonate sul cellulare, a immagini scambiate in privato su WhatsApp etc. e che permette un contatto ininterrotto.

Questo significa che la tecnologia rispecchia, amplifica, estende il mondo sociale. Tramite essa gli adolescenti sperimentano gelosie, rivalità, tradimenti, invidia ma anche il sostegno e le dichiarazioni di stima, cioè quello che è da sempre l’adolescenza (oltre che la vita umana).

 

Di questo e altro ancora si è parlato mercoledì 24 ottobre allo Studio Lazzari all’interno del seminario gratuito “Essere genitori ai tempi di Facebook.” Lo Studio Lazzari è in piazza Cavalieri Caccia 10, Sant’Oreste (Roma).

 

Per approfondire

Adolescenti su Facebook: i genitori dovrebbero preoccuparsi? – parte 2

Fa bene o fa male? Facebook e gli adolescenti

Adolescenti tra Internet e Facebook: i dati di Eurispes e Telefono Azzurro

Tra Facebook e iPhone riusciamo ancora a stare da soli?

Facebook isola e allontana dalla vita reale?

 

Photo credit: Luke Brassard

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti a Adolescenti su Facebook: i genitori dovrebbero preoccuparsi? – parte 1

Tu cosa ne pensi?