Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | novembre 18th, 2013

Amicizia in adolescenza, tra migliore amico e gruppo di amici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Qualche settimana fa sono stati pubblicati i dati dell’indagine Adolescenti e Socialità condotta dalla Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza e dall’Associazione Laboratorio Adolescenza su un campione di 2000 ragazzi e ragazze tra i 12 e i 14 anni. Laura Traldi, di D di Repubblica, mi ha chiesto di commentarli. L’intervista è appena uscita col titolo Che fine ha fatto l’amico del cuore? su D di Repubblica in edicola da sabato e riguarda appunto l’amicizia in adolescenza.

 

amicizia in adolescenza

L’amicizia in adolescenza

Senza ripetere quanto si può leggere nell’intervista o in altri articoli che ho scritto qui in precedenza, quello che mi preme aggiungere a proposito di amicizia in adolescenza, sia essa duale che in gruppo, è come essa risulti centrale nell’imparare a conoscere se stessi e gli altri, nel capire quale sia il proprio pensiero sulle cose e quale il nome delle emozioni dentro di sé e dentro le altre persone. Sono aspetti legati da un lato all’identità, dall’altro allo sviluppo della Teoria della mente (Tom).

Oltre che essere fondamentale per lo sviluppo dell’identità e della Teoria della mente, la relazione con i coetanei in adolescenza è un elemento cruciale per avere una buona autostima, cioè per percepirsi come persona dotata di valore. In questi anni, ciò che conta più di ogni altra cosa è l’essere apprezzati dagli altri, sentire di piacere loro e di ricevere delle conferme.

Se l’amicizia con i coetanei mantiene in adolescenza una funzione strutturante, è preoccupante che ci sia un 32% di ragazzi e ragazze che si sente a disagio quando è con gli amici, sia che si tratti di frequentare un solo amico che un piccolo gruppo di amici.

E cosa dire degli adolescenti che hanno deciso di sottarsi al contatto con gli altri e preferiscono starsene da soli?

 

Photo credit: imagerymajestic

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 commenti a Amicizia in adolescenza, tra migliore amico e gruppo di amici

  • ele

    Salve sono la mamma di una ragazzina di 15 anni che si trova ad affrontare i classici problemi dell’adolescenza nella sua classe. Lo scorso anno in prima liceo aveva stretto amicizia con due ragazzine e sembravano veramente affiatate. Per mesi si sono viste sentite compiti insieme uscite e via. poi di punto in bianco una di queste ha cominciato a farle la “guerra” nel vero senso della parola. E’ una ragazzina che dimostra più dell’età che ha sa farsi considerare e ha cercato di mettere in cattiva luce mia figlia. Ha iniziato a spettegola con quelle compagne di cui fino a pochi giorni prima parlava male e mia figlia non vuole più andare a scuola. Non so sinceramente come aiutarla

    • Rosalia Giammetta

      Buongiorno. Se nella scuola c’è uno psicologo, vada a parlarci e veda se è possibile un intervento di mediazione tra la ragazzina e sua figlia o un intervento in classe.

  • Claudia

    sinceramente io ho un problema simile, nel senso che è molto difficile per me entrare in contatto con le persone per stabilire un rapporto s’amicizia quando ho troppo paura di non essere desiderata da queste persone, o di sentirmi ignorata o di essere isolata o anora peggio di essere disprezzata da questo gruppo di persone. La paura di quello che gli altri pensano di me è così forte, almeno nei rapporti interpersonali, da non lasciarmi spazio di socializzare con i miei compagni di classe. Ecco perchè quando sto a casa mi lamento spesso che non ho persone con cui uscire, e penso che nessuno mi chiama mai per farlo perche nessuno è interessato allo stare con me. Si ho dei grossi problemi di autostima su questo.

Tu cosa ne pensi?