Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | febbraio 13th, 2013

Amore online, tra fantasia, rischio e consumismo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’amore è uno di quegli argomenti su cui non ci sono esperti e su cui siamo tutti esperti, perché, probabilmente, l’amore è un’esperienza presente nella vita di tutti gli esseri umani, in una forma o in un’altra. Probabilmente, senza amore, la vita ci sembrerebbe priva di senso, opaca, scialba. Inutile. Probabilmente, senza nessuna forma d’amore ci sentiremmo divorati dall’infelicità. Tant’è vero che c’è chi prova a cercare l’amore online, nella chat di un social network o in uno di quei siti che funzionano da agenzie di appuntamenti (online dating) e propongono partner più o meno improbabili: cercare l’amore online non è più una pratica considerata per sfigati e quasi un italiano su sei riferisce di aver avuto una storia d’amore con una persona conosciuta in rete.

 

Fantasia e amore online

Amore online, tra fantasia, rischio e consumismoSono in tanti dunque quelli che, tra chat e videochiamate, hanno costruito relazioni profonde con persone che non hanno conosciuto nel mondo “reale” e che a queste persone hanno rivelato i segreti più intimi, sentendole vicine e sentendosi vivificati da questi scambi.

Una relazione d’amore online può essere molto seducente soprattutto perché lascia ampi margini all’immaginazione. Non ce ne rendiamo conto, ma è la nostra fantasia a riempire le ambiguità lasciate dall’altra persona, a guidare il modo in cui intendiamo le cose lette in una chat. Molto più di quanto non avvenga nella vita reale. Questo perché la comunicazione online è priva di molte delle informazioni che ci permettono di capire qual è la cornice del discorso e quindi il suo senso, quali il tono e le intenzioni dell’altra persona.

E, nell’utilizzare la fantasia inconscia per cercare di capire la persona che è al di là del monitor, siamo accompagnati dai nostri bisogni, da quello che cerchiamo in una relazione, si tratti di comprensione, eccitazione, conforto, protezione, sfida, compagnia etc. L’eventualità di prendere una cantonata è concreta ma questo rischio rende le cose ancora più eccitanti. Anche se sarebbe più saggio sottrarsi al fascino dell’ignoto e incontrare l’altra persona prima possibile.

 

Consumismo e amore online

Altrettanto alta è la probabilità di scivolare in uno stile consumistico, in cui le persone con cui iniziare a chattare sono scartate dopo poco: il numero di persone con cui possiamo entrare in contatto online è talmente elevato che la tentazione di non perderci troppo tempo e chiudere alla prima incomprensione è forte. Perché forse la persona più giusta per noi è al prossimo click, come facciamo al supermercato quando valutiamo un prodotto, poi un altro, poi un altro ancora prima di decidere quale acquistare.

Everybody…

Trattare le persone come merci non è il top dell’etica, ma ci fa capire quanto può essere imperioso il bisogno di amare e di essere amati. Nel dire questo però sfondo una porta aperta, visto che già Freud, ne Il disagio della civiltà, e siamo nel 1930, considerava l’amore come la sola possibilità di dare senso all’assurdità della vita, l’unica speranza di trovare un conforto al dolore. Ed è questa l’esperienza che tutti noi cerchiamo.

 

Photo credit: rachel titiriga

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?