Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | giugno 30th, 2014

Come riconoscere un partner narcisista

  • 3K
  •  
  • 48
  • 12
  •  
  •  
    3K
    Shares

Su narcisismo e narcisisti ho scritto più volte ma è un argomento che trovo talmente interessante e degno di attenzione che mi piace tornarci sopra, stavolta per parlare di com’è un partner narcisista, cambia poco se uomo o donna.

Il narcisismo può essere semplicemente quella passione per la vita che ci spinge ad avere fiducia e affetto verso noi stessi, la speranza che le cose andranno bene. Come tante altre cose, a dosi moderate, il narcisismo è utile.

Diversamente, quando assume dimensioni estreme, il narcisismo rischia di diventare un modo di essere che allontana da un contatto intimo e di mutuo scambio con le altre persone. Certo, i narcisisti hanno una patina di sicurezza che li rende affascinanti e di fatto hanno spesso molte qualità e un gruppo di ammiratori. Ipocriti, egoisti e sprezzanti, hanno bisogno di un pubblico che battano loro le mani e apparire splendidi: le critiche li mandano in bestia. Sono presuntuosi, sopravvalutano le qualità che hanno e sono convinti di avere il diritto di essere trattati in modo particolare.

Sotto la patina della sicurezza e del carisma c’è però un’incolmabile sensazione di essere niente, di essere senza un ombrello mentre piove a dirotto. L’arroganza, la critica, la superiorità servono alla persona narcisista per non entrare in contatto con queste parti di se stessa che generano una sofferenza intollerabile: sono delle difese che la salvano dalla depressione.

 

Quando il narcisismo è troppo

Il narcisismo può configurarsi come un vero e proprio disturbo di personalità caratterizzato da:

  • bisogno costante di essere ammirati;
  • sensazione esagerata di essere importanti;
  • assenza di un autentico interesse per le altre persone;
  • invidia nascosta sotto la convinzione di essere invidiati;
  • scarsa capacità di provare empatia.

Racamier, psicoanalista francese, ha parlato di perversioni narcisistiche e un altro psicoanalista, Kernberg, ha descritto il narcisismo maligno, che è un mix di aggressività, crudeltà e sadismo con cui certe persone cercano di avere la meglio su chi sta loro accanto. Chi è appassionato di fumetti potrà rintracciare un esempio di narcisismo maligno in Bane, l’uomo che spezzò la schiena a Batman.

 

Riconoscere un partner narcisista

Nella vita vera, perversione narcisistica e narcisismo maligno li troviamo, ad esempio, nelle relazioni di coppia in cui un partner eccessivamente amato e con un’autostima che, al di là delle apparenze, è un colabrodo si adopera (a volte senza averne consapevolezza) per far sentire l’altro un inetto, lo manipola tanto da spingerlo a tagliare i ponti con gli amici, isolarlo e renderlo un suo schiavo.

Un partner narcisista trova sempre motivi per aggredire l’altra persona, per criticarla e farla sentire sempre più insicura e al tempo stesso fortunata, perché ha lui accanto. Pian piano questa persona diventa dipendente dal partner narcisista e incapace di fare qualcosa da sola o senza il parere di lui.

riconoscere un partner narcisista

Il partner narcisista è un mago della colpevolizzazione: è sempre pronto a dire che la colpa è dell’altra persona, mai che la colpa è di entrambi o tutta sua. I meriti sì, quelli sono esclusivamente suoi.

Infedele e bugiardo, il partner narcisista ha costantemente bisogno di prede con cui nutrire la sua autostima e da abbandonare dopo che ha succhiato loro ogni energia. L’interesse per gli altri è solo strumentale e di come stiano o cosa vogliano non gli importa nulla: non se lo chiede neanche. E non dà niente o dà molto meno di quello che prende da partner e amanti.

Certo, all’inizio sembra tutto splendido. Il partner narcisista riesce a costruire l’illusione di un mondo incantato in cui tutto è possibile, per lui e per chi è al suo fianco. Sembra spesso una storia d’amore da romanzo, in cui l’altra persona si sente la prescelta dal principe o dalla principessa e anche agli occhi del narcisista questa persona ha qualità uniche. A questa idealizzazione segue però la drammatica svalutazione che si esprime nelle critiche di cui dicevo prima.

A questo punto possiamo chiederci se un narcisista può innamorarsi. Direi che è abbastanza raro che un narcisista (uomo o donna che sia) si innamori ed è ancora più raro che, sceso da quell’otto volante che è la fase di innamoramento, sia capace di amare qualcuno. Per amare bisogna essere in grado di riconoscere che l’altra persona non è un nostro prolungamento, ma ha una sua identità e suoi desideri, ha pregi e difetti, e bisogna essere capaci di rispetto e cure: capacità che chi è narcisista fa fatica ad avere.

Al di là degli splendidi fuochi iniziali, è raro che la persona che sta a fianco di un partner narcisista si senta amata, capita, supportata: un partner narcisista userà la persona con cui sta per dar forza a se stesso. E se questa persona pensa che, se riuscisse a capire come prenderlo o di cosa ha bisogno, lui cambierebbe, beh, questa persona si sbaglia. Un partner narcisista, come del resto tutti noi, cambia solo se avverte che nella sua vita qualcosa non va, solo se sente lui stesso la necessità di cambiare.

 

In Narcissus, Alanis Morissette descrive la situazione in cui lei ama lui, egoista, esibizionista, incapace di ascoltare gli altri, e non riesce a lasciarlo né a smettere di sperare che riuscirà a cambiarlo.

 

Una domanda e un consiglio:

  1. Ti è chiaro che la relazione con un partner narcisista, uomo o donna che sia, può essere troppo impegnativa?
  2. Se ti è chiaro e vuoi affrontare questo problema, chiedi un colloquio a uno psicologo.

 

Lunedì prossimo un post sui motivi per cui una persona narcisista agisce a volte nel modo spietato che ho descritto e per capire il senso di vuoto e di solitudine, la vergogna e l’insicurezza nascosti da questa maniera di entrare in relazione con gli altri. Stay tuned!

 

Per approfondire

Kernberg O. (1976) Impedimenti all’innamorarsi e al restare innamorati. In AA. VV. Capacità di amare. Bollati Boringhieri.

Racamier P.C. (1992). Le perversioni narcisistiche. In Il genio delle origini. Cortina editore.

Chi è narcisista soffre?

Una persona narcisista è capace di empatia?

Sono narcisista e me ne vanto… o forse no

Perché è così difficile chiedere aiuto a uno psicologo?

Facebook: il tuo profilo ti somiglia più di quanto credi

 

Photo credit: Gabriela Camerotti 

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio.  Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale  e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  • 3K
  •  
  • 48
  • 12
  •  
  •  
    3K
    Shares

82 commenti a Come riconoscere un partner narcisista

  • Francesco

    Nove mesi insieme.Due anni e mezzo di splendida amicizia che sfocia nell’amore.Sono il suo principe azzurro al quale lei affida la sua vita.Bellissima,frizzante e piena di iniziative.A dir la veritá mi sembra un pó esagerato questo idolatrarmi in tutti i campi:lavoro e senso della paternitá soprattutto,a parte le mie spiccate caratteristiche affettive.Lei,separata come me,con una vita fatta di abbandoni e priva di attenzione da parte dei genitori,persone anaffettive dalle richieste continue.Tutto raccontato al sottoscritto con lacrime e abbracci.
    Tre mesi di idilio e poi comincia l’incubo.Dalk’oggi al domani divento niente,un uomo senza palle e pessimo padre,critiche ovunque e dovunque.Lei si dichiara indispensabile alla mia vita.Per farla breve si fa pagare la vacanza estiva e con un pretesto si dilegua appena tornati.Io la cerco in tutti i modi,lei si nega e mi dice che la infastidisco.Non mi blocca sui social nonostante io la inviti a farlo.Sostiene che avremo un incontro chiarificatore senza parlare mai di tempi.Insomma un vero e proprio calvario.Dieci giorni fa la sorprendo con un altro ma lei dice che é un amico.Oggi mi sento derubato di ció che di piú bello avevo per lei.Un sentimento puro e intenso.Pensare di essere stati sfruttati in questo modo deprime,fa male al cuore…

  • Nel

    Mi ha distrutto e, minha voluto distruggere, sotto tutti gli aspetti. Estetico, sentimentale, emotivo, finanziario. Dopo aver cercato di umiliarmi in fronte ai suoi e ai miei amici, cercando di isolarmi da tutti, controllarmi sui socil network, tel. e anche gli occhi (se andvano a guardare altrove quando eravamo insieme), con una scusa di gelosia mi ha abbandoanto in un locale e mi ha rubato con delle amiche anche tutti i soldi che avevo. Ovviamemte non ha mai confessato e ha oncolpato il mio conquilino e mi ha deriso (cercando di farmi ovviamente ricorrere lla violenza) e senza battere ciglio o assumersi le responsabilità, si è sentita pure offesa perché si è senttia accusata!!! Cosa vorrei farle, lasciamo perdere…ma alla fine, avendoci pure rimesso al lavoro, ho capito che la migliore vendetta è solo dimenticare questi esseri mostruosi.

  • ALE

    buongiorno a tutti,
    rileggendo qua e là le varie testimonianze, mi è parso di rileggere la mia storia. 8 anni con questo ragazzo, all’inizio l’idillio, mi sentivo una principessa, amata , coccolata, portata in palmo di mano… tutto questo per i primi 3 anni, dopo di che un incubo. Silenzi, litigi per nonnulla, dito sempre puntato verso di me. Scopro che si è iscritto a chat di incontri e, la cosa sconvolgente è che ricerca donne molto più mature e dall’aspetto volgare e prorompente ( praticamente l’esatto opposto di me). A casa dai genitori da anni non vado, in quanto mi riportava i loro commenti negativi ( non so se veri o meno) … Ho cercato di parlargli, l’ho sempre perdonato per i messaggi che trovavo e siamo andati avanti tra alti e bassi. A gennaio di quest anno addirittura mi ha chiesto di sposarlo…sei la donna della mia vita.. ecc ecc. Bhe a maggio lo vedo strano, taciturno. gli chiedo se c’è qualcosa che non va, se vuol star solo… Lui si prende la pausa, mi dice che vuol vivere la sua vita, rimanere solo, andare a vivere solo, che mi ama, che è sicuro che semmai si sposerà sarà solo con me..Io sinceramente non ci ho creduto, gli ho detto che se aveva trovato un’altra bastava dirlo, può capitare ma, lui ha spergiurato che non era vero. Io non l’ho più voluto vedere e sentire, lui invece ha continuato ad insistere con messaggi e telefonate fino al giorno prima delle sue vacanze, due settimane fa. Bhe, quello che voleva star solo… ho scoperto da poco che nelle due settimane di vacanza che si è appena fatto era via con un’altra e, nei due mesi in cui si è preso la pausa e in cui insisteva nel vederci o, mi diceva che usciva con un amico, ho scoperto che con questo amico non è uscito mai. Bhe, io non ne voglio più sapere. La mia autostima è intatta perchè so di aver dato tanto e anche di più.. Son qui seduta sulla riva del fiume, perchè lui prima o poi tornerà e, lì mi prenderò gioco io di lui. Per carità non risolverà il suo problema ma, io mi toglierò un piccolo sassolino dalla scarpa. E la sua punizione la sta costruendo con le sue stesse mani… non ha più uno straccio di amico e, finchè vivrà con i genitori ( la madre è uguale a lui e più volte ha minacciato di morire se fosse uscito di casa)non migliorerà, anzi andrà sempre peggio.

  • Ho letto l articolo e tutti i commenti,solo ora prendo coscienza di essere stata con un narcisista,mi ha lasciato dopo due anni,da un gg all altro e rientra con tutte le caratteristiche che voi e la psicologa avete elencato.soppratutto la forma fisica,la perfezione e all inizio sembra che ti dovesse salvare come un principe azzurro,facevamo tanti viaggi,poi a poco a poco ho visto che mi stava screditando.Avevo il sospetto e tutte le persone e parenti psichiatri e amiche psicologhe,me l avevano detto ma accettarlo è diverso.ora sta con altra mi ha lasciato per lei e nn ha mai avuto senso di colpa,a parte il gg che mi ha lasciato aveva pianto dicendomi che sarei stata la madre dei suoi figli e che immaginava un futuro con me. Ma poi dopo 10 si trasformato nel gemello cattivo.freddo e distaccato
    Proprio ieri ho preso coscienza di lui,e nn so se mi manchi lui o la sua immagine che si era costruito.
    Aspetto che si sveli fra due anni anche con lei,anzi lo spero.
    Vorrei riprendermi la mia vita è lo sto facendo con fatica.chi vivrà vedrà

    • ALE

      Gioia.. anche il mio, forma fisica perfetta… viveva in palestra, io mai andata ma, all’inizio per lui ero una dea… Ultimamente invece mia faceva notare qualsiasi cosa.. capello fuori posto, un filo di pancetta, metti poco i tacchi. Lavora su te stessa, quello sbagliato è lui, non tu. Sii forte, circondati dagli affetti, esci… E’ un processo lungo ma vedrai che ce la farai!!

  • patty

    il narcisista patologico è una persona che nel suo ruolo pensa di sentirsi bene, in realtà non lo e’ affatto e giorno dopo giorno si sente svuotato e logorato internamente è come un sanguisuga che certa in continuazione persone che lo vogliono e lo desiderano senza rendersi conto di essere usate per il suo scopo e nient’altro, e quando incontra qualcuno che è interessato e lo riconosce per quello che è veramente lui ha paura e comincia a starle alla larga per paura di confrontarsi e non essere all’altezza. Va ignorato e considerato per quello che è, provo talmente pena per una persona così che secondo me va molto aiutata da una psicologa con cure adeguate.

  • Lauretta

    Cara dottoressa Rosalia, è possibile che un narcisista metta in atto solo alcuni aspetti della patologia? Mi spiego meglio, diventa aggressivo quando lo critico e chiedo spiegazioni sul perché contatta periodicamente tutte le sue ex, dice che non ha rilevanza il contatto ed ha sempre una banale scusa del perché lo fa: lavoro, curiosità, perché il social network gliel’ ha proposta come collegamento e via così… Quando gli dico che non è corretto, che soffro, che a lui non starebbe bene se ricevesse lo stesso trattamento allora mi accusa di fare chissà cosa sui social o durante la giornata; io sono molto innamorata, ma capisco che ogni volta che scopro questi scheletri lui diventa aggressivo verbalmente e mi minaccia sulle cose a cui tengo di più… Non credo mi tradisca, ma so che vorrebbe, ogni volta che ho avuto modo di parlare con queste donne mi hanno assicurato ed evidenziato le prove che era lui a cercarle..solitamente mi diceva che erano loro a chiamarlo, o a disturbarlo con mail lunghissime, me ne parlava con una certa soddisfazione e poi capivo che le cose non erano andate nel modo in cui lui le descriveva… Cosa fare? Perché ha sempre bisogno di contattare le ex? Perché non chiede scusa e nn si rende conto che non è corretto? Perché accusa me di essere malata ?

  • Eleonora

    io sono appena uscita da una storia con un narcisista seriale….dopo avermi illuso, e usato per i suoi interessi e dopo avermi detto due gg prima che mi mollasse: “non vedo l’ora di fare quel viaggio di cui abbiamo tanto parlato, ti amo”, come un muro di gomma mi ha lasciato…. senza sensi di colpa…negando quello che mi aveva detto…sminuendomi…. e chiedendomi pure che per aiutarmi, dato che sono senza lavoro, di fargli le pulizie in casa…(pagandomi naturalmente!)…. dopo aver passato un periodo di depressione in cui ero catatonica, andavo avanti a xanax e pensavo di buttarmi sotto al treno,,,ho richiamato la mia psicologa e ho avuto la geniale idea di contattare le sue ex per capire…. ne è venuto fuori un mostro! si è sempre comportato così…anzi! il mondo incantato che mi aveva dipinto era un’illusione….è sempre stato un gran bastardo e ho scoperto che per dietro parlava di me nei bar come se fossi la sua serva….mi chiamava la 40enne, neanche col nome… sto male, mi ha ferito profondamente nel cuore… è come un cancro….a momenti vorrei distruggergli la casa o la moto (visto che solo alle cose materiali e ai bisogni primari è legato), il momento dopo vorrei sentirlo e non so perché! allora o chiamo la psicologa o un’amica….ma è dura! per lui tutte le donne sono puttane, è un mammone (anche se la mamma è gelida e fredda e cornificava il marito – forse per quello si è traumatizzato, ma non lo giustifico), ed è un mostro nella sua cattiveria e sadicità. vorrei riuscire a dimenticarlo, svegliarmi la mattina senza quekl senso di vuoto e tristezza che mi ha lasciato…. vorrei che esistesse la giustizia divina….vorrei farlo soffrire!!

    • Ti capisco,anch io vorrei svegliarmi e dimenticarlo,e togliermi la sensazione di vuoto.
      Anch io vorrei vederlo soffrire ma di più l’attuale fidanzata.

  • Maria DB

    Una mia domanda…si puó curare da questa malattia??? ecco la definisco vampiro, dolce, ladra e bugiarda ma abile nell’ambiente di lavoro conquista molti clienti… mi ama alla follia, vuole essere coccolata, accarezzata tutti i giorni e controlla tutti i giorni se sono online di wathsapp, facebook.. avevo deciso di lasciarla e la mia compagna si é buttata dal balcone di 4 metri senza un graffio ma operata alla schiena. Ora di nuovo insieme ma ho un presentimento che non cambierá mai a meno che si puó curare? é difficile curarsi? Io ho una figlia di 13 anni dal precedente matrimonio ed ho paura ma tanta paura fatemi sapere grazie.

    • Rosalia Giammetta

      Cambiamento difficile. Qualcosa però si ottiene

      • roberta

        Potrebbe essere legato all assenza della figura materna o da una prematura scomparsa di quest ultima?

        • Rosalia Giammetta

          Sì, ma non come relazione causa-effetto. Cioè questo può essere uno degli elementi che portano una persona a strutturare una personalità narcisista che, va sempre tenuto presente, è una difesa.

  • Alessandro

    Salve, dottoressa.

    Mi complimento con Lei per l’ottimo articolo. Sono un ragazzo di 32 anni che soffre di evidenti tratti narcisistici: prevalentemente, mi sento speciale, bello, pieno di qualità, unico; se una ragazza non mi risponde ad un messaggio, mi sale il sangue alla testa; se le cose non vanno come vorrei, penso di essere un perdente… ma non per colpa mia, bensì per colpa della società; sono un tipo distratto, per lo più assorto in pensieri su se stesso, poco attento a quello che succede intorno.

    Nonostante il pensiero prevalente di essere speciale, pervengono alla mia coscienza continui dubbi sulla mia capacità di rendere: diciamo che, pur sentendomi “un grande”, tendo ad attribuire agli altri migliori capacità di aver successo, in amore, nel lavoro, etc.

    Ciò che mi differenzia dalle descrizioni che leggo continuamente sul narcisismo è in ambito di amore ed empatia: voglio molto bene alla mia famiglia, ai miei amici… ed il solo pensiero che succeda loro qualcosa mi terrorizza; sono competitivo con mio fratello, tanto che, se i suoi successi oscurano me, quasi non glieli auguro (però non potrei vivere senza di lui). In amore sono esigente, mi arrabbio facilmente, pretendo cure ed attenzioni… tuttavia mi sento in grado di amare: a parte i momenti di insicurezza, sono premuroso, percepisco speciale la ragazza al mio fianco e, se lei mi lascia, continuo a volerle bene per molto tempo.

    Attualmente conservo un rapporto ancora tenero ed amorevole con la donna che più di tutte ho amato e che mi ha lasciato: mi ha ferito molto, senza risparmiarsi frasi sgradevoli, ma, nonostante tutto, non tardo a dirle sempre che lei per me è speciale e che merita di essere felice.

    Pensa possa trattarsi di narcisismo? Chissà se le affermazioni positive possono modificare le mie credenze profonde, migliorare la mia vera autostima e quindi abbattere le difese di presunta superiorità.

    Grazie.

    • Rosalia Giammetta

      Grazie, Alessandro. Approfitto del suo commento per aggiungere che l’elemento caratterizzante il modo di voler bene di chi è narcisista è la cecità rispetto ai bisogni degli altri: in altri termini, chi è narcisista spesso vuole bene a vantaggio di se stesso. Non è detto sia il suo caso.

      • Alessandro

        Allora devo dire, purtroppo, che vivo fedelmente a questa sua osservazione. Mi sento lontano dal classico narcisista solo per il fatto che non mi manca l’empatia e non schiaccio gli altri per i miei scopi. Grazie.

    • Concetta

      Mi rispecchio perfettamente conte Alessandro.

  • miriamm

    care ragazze.. sono arrivata,con grande forza interiore al mio ex narcisista a dire tramite un sms,che se lui è fidanzato sono contenta per lui augurandogli buona fortuna per la sua vita,,alla fine anche se ero molto legata a lui,mi rendo sempre piu conto di quanto sia frustrante stare dietro ad un fantasma,che oltre ad essere trasparente non faceva altro che umiliarmi,il vero problema è che…questi personaggi non sanno riconoscere il vero amore e la buona fede,non mi ha nemmeno degnato di una risposta,,E VI DICO MAI CONOSCIUTO UN SOGGETTO DEL GENERE!!!zero umanita zero educazione e zero assoluto empatia!ora capisco la moglie perchè e scappata dopo otto mesi di matrimonio con una bambina di cinque mesi,,che orrore.e pensare che dava la colpa alla ex moglie CHE MOSTRO.

  • miriamm

    in questi giorni gli mando gli auguri ma niente risposta,,lo contatto con un altro numero uozzap mi blocca fingendo di non capire chi fossi,,,lo chiamo ma solo…per mettermi l anima in pace,,visto che non ho mai ma dico mai smesso di pensarlo con il cuore in mano…e lui si ciao miriam si lo so sei tu mi dice!poi sono con la mia ragazza una coltellata al petto!!!!ma lo sento contento euforico ma non credo alla sua storia,,dentro di me sento che vuole farmi del male,,gli dico quello che penso lui non riaattacca presto ma sta ad ascoltare mi chiede dove sono bla bla bla e poi lo saluto,,non prima di avergli detto quanto sia stato faloso con me,,,visto che diceva di amrmi tanto che voleva un figlio che dopo sorella e madre ero la terza donna piu importante dellla sua vita!!!!termino scrivendogli solo,,,che schifo,,via sms.sono e mi sento usata svuotata derisa e non so piu cosa.
    dottoressa giammetta perchè le chiedo,,disperatamente visto che non mi do pace,ho avuto la sensazione che volesse farmela pagare?tanta cattiveria ecco cosa ho sentito da parte sua e non dispiacere nel dirmi ho una ragazza io l ho amato tantissimo lo adoravo e lui????
    perchè bloccarmi su uozzap due mesi prima senza voler rispondere che non gli interessavo ho cercato ricercato di farmelo dire e dopo due mesi me lo dice contento ho una ragazza,,non amava da morire me??

    • Rosalia Giammetta

      Cara Miriamm, il punto è la dinamica di potere, umiliare l’altro per affermare se stessi.

  • miriamm

    ciao sara,,dopo tempo leggo il tuo commento,vorrei anche ringraziare rosalia giammetta che ci aiuta a capire e ci supporta,,,io devo dire che sono passati dei mesi,e con il pazzo manipolatore ci sono uscita solo due volte,,per me era stato un colpo di fulmine l ho amato profondamente dal primo istante,,,ma vi dico che dopo incomprensioni ecc,,lui due mesi fa mi blocca su uozzap….

  • DANIELA

    Mi chiamo Daniela e sono stta sposata con un narcisista per 24 anni e con il quale ho avuto una figlia oggi 22enne. E’ un anno giustoin questi giorni che sono andata via da casa.Semplicemnte con la valigia dei vestiti. Sono arrivata a perdere totalmente di vista me stessa, i miei bisogni ,la mia dignità. Ho sopportato tutto quanto sia possibile immaginare: violenza fisica, psicologica, tanti tradimenti. Ho percorso la devastante strada di modificare me stessa a suo uso e consumo. Mai era abbastanza. Fino a quando non rimaneva altra soluzione: o la vita dell’anima o la sua morte. E’ stato l’istinto a farmi scappare. La certezza di essere arrivata al limite di una vita che, così condotta, non aveva più senso di esistere. Sono da un anno in psicoterapia e mi è chiaro che anche io avevo la mia frattura interiore… la mia ferita sanguinante a cui lui abilmente sapeva attingere e farla costantemente sanguinare per tenermi lì… dentro un agabbia…. Non è facile uscire da una relazione simile. Alla fine è una vera e propria tossicodipendenza. Quando ti sembra di essertene liberata in realtà tutto si ripresentifica…una fatica immane. Ma oggi sto meglio. Più capace di “sentirmi” e di esistere per quello che sono..a progettere il futuro e a viverlo !

    • stefy

      Salve Daniela ti capisco benissimo perché dopo 12 anni di matrimonio con un narcisista diventato tale per la forte ammirazione e iper protezione che ha avuto la mamma nei suoi confronti lo ha reso un individuo che sente di essere amato solo con continue conferme e ammirazione . Ma in cambio aveva solo critiche per il mio peso forma che andava e veniva causato da problemi alla tiroide…in casa un iper controllo di quello che facevo e un intimità vissuta più come un bisogno fisico che di amore …un lavoro fatto di critiche verso le figlie per sporcare la mia immagine anche ai loro occhi…finché ho avuto il coraggio di chiudere il matrimonio e di fare psicoterapia per acquisire una maggiore autostima di me stessa perche mi vedevo incapace in tutto non riuscivo più a trovare un lato buono in me…..dopo 1 anno sono caduta in depressione ma grazie alla mia famiglia ne sono uscita ……passati 3 anni ho pensato di aver trovato un nuovo amore …ma ahimè ha le stesse caratteristiche del mio ex marito …prima la iper valutazione …poi la svalutazione…ed ora la fase dello scarto ….si è stancato di me perché non lo faccio sentire un uomo

  • mary

    Stefy, non sei l’ unica. Dopo 34 anni ho capito finalmente che se voglio vivere
    solamente vivere quel poco o tanto tempo che mi rimane devo “scappare”. Andarmene prima con la testa, poi con il cuore e poi ciò che rimane di questa poca voglia di vivere ogni tanto ricordo che avevo. Mary

  • Ho incontrato dopo più di 30 anni un mio compagno di liceo ad una cena. Scatta il colpo di fulmine. Io separata e lui single, sembrava un appuntamento con il destino. All’inizio fu meraviglioso. Lui mi esprime i suoi sentimenti più appassionati, mi fa conoscere la sua famiglia e mi esprime il suo desiderio di sposarmi. Ma dopo qualche tempo comincia a criticare tutto di me, dal mio rapporto con i miei figli a quello che non ho fatto per contrastare il mio ex marito. Perfino il mio carattere troppo calmo a suo dire non era accettabile. Mi detta regole e mi invia centinaia di mail con articoli che avrei dovuto studiare per mettere in atto dei cambiamenti nella mia vita a 360°. Se lo avessi fatto, il premio era avere lui nella mia vita. Ogni volta ci incontravano erano sempre aspre critiche e rimproveri: hai fatto questo, hai fatto quello, ….. Quando lo fai? Cretina…… Mi sentivo svilita e senza forze, confusa e piena di dubbi su me stessa. Per non parlare delle scenate per ogni cosa. Ho avuto la forza di interrompere la relazione a cui sono seguiti insulti, accuse e disprezzo. Non l’ho piu rivisto ed io mi sono rivolta ad una psicoliga

  • Elena

    La premessa è che sono in un momento fragile della mia vita. Problemi di salute per una mia sorella e crisi coniugale da 7 anni, che mio marito non ha mai voluto affrontare. Arriva lui. Bello e intrigante. I primi tempi faville, una storia clandestina piena di passione. A poco a poco le cose cambiano, 1 2 3 tradimenti negati di fronte all’evidenza. Ma quella sposata ero io…. poi promesse, la richiesta di andare a vivere da lui e di fare un figlio insieme.e poi offese, ogni cosa non va bene, ogni mia proposta scartata e la frase quotidiana, cosa faresti senza di me… La vita che diventa tutta un controsenso. 2 mesi fa voglio mettere ordine nella mia vita e decido di lasciare mio marito per dare una svolta a questa nostra storia. Il giorno del trasloco lo incrocio insieme ad un”altra e si gira dall’altra parte. Piango e mi dico è finita. Ritorna ….900 messaggi in 2 giorni. Lo riprendo e ancora violenze morali oltre ai suoi giochi fisici…. e una rabbia nei miei confronti che pare una bomba pronta a scoppiare perché sa che non mi ha ancora annientato. Ora alterno momenti di sconforto alla voglia di tornare a vivere. Penso ci stia. Avevo perso la tramontana nel cercare di dare un senso al suo essere senza senso. Ora ho capito chi è. Prendere visione delle cose è già importante , è un buon inizio. Coraggio per tutti!!

  • sara

    Ciao, vorrei mettermi in contatto con tutte quelle donne che hanno conosciuto uomini narcisisti in chat. Magari è la stessa persona!
    ciao grazie.

  • maria

    mi chiamo Maria sono in coppia da 20anni con un narcisista sto cercando di liberarmi ma e’ molto molto dura sto facendo terapia con una psicologa .Sono piena di rabbia per nn essere riuscita a proteggermi per dover riconoscere di avere sbagliato tutto avere riposto fiducia a una persona che mi svaluta sempre sempre la quotidianita’e’diventata invivibile per me nn lo tollero piu’sono piena di rabbia verso me stessa e verso di lui

  • Barbara

    Ma c’è una possibilità di aiutarli?

  • Anna

    Sospetto che mio fratello con la moglie siano entrambi dei narcisisti patologici.Ho due domande al riguardo.1)Da cosa posso capire se sono entrambi dei narcisisti patologici? 2)Due narcisisti patologici possono formare una coppia “stabile” o e’ destinata prima o poi a “scoppiare”?

  • Ivy

    Buongiorno, complimenti per l’articolo. mi scuso subito per la lunga domanda!
    probabilmente sono stata per un paio d’anni fidanzata con un narcisista – ho provato ad informarmi, da quello che ho letto sembra il ritratto di un narcisita ‘covert’, con tanto di finto tentativo di suicidio per far accettare tutte le bugie raccontate in due anni di relazione. ho provato a prendere le distanze, dopo l’episodio, ma ci siamo sentiti pur non avendo ancora avuto un confronto diretto. ora lui dice di essere cambiato, di stare andando in terapia, di provare forti sensi di colpa. però mi dice anche che sono stata cattiva ad abbandonarlo e che l’ho lasciato solo nel momento in cui più aveva bisogno di me. non so dunque cosa pensare: so, per esempio, che ha già ricominciato a dire piccole (ma anche non così piccole) bugie a quelli che gli stanno attorno, ma sembra anche che abbia cambiato davvero alcune altre brutte abitudini. non credo che in famiglia lo stiano aiutanto: i parenti prossimi hanno deciso che visto che è ‘malato’ non è colpevole di nulla e che io sono cattiva perchè non gli sto dando quello che vuole.
    così mi chiedo: un narcisista che lo desidera può cambiare? come si capisce se la terapia sta avendo effetto? come capire se ha iniziato davvero a cambiare e a migliorare? la mia vicinanza potrebbe effettivamente aiutarlo oppure non servirebbe a nulla a lui e in più farebbe solo del male a me?
    grazie fin d’ora, mi scuso per il disturbo!

  • mari

    arissima dottoressa .Sono una ragazza di 20 anni,innamorata di un ragazzo con sei anni in più . Dopo quattro mesi che ci siamo sentiti e che mi ha esposto le sue intenzioni serie,un giorno mi ha confessato ciò che non ha mai detto a nessuno: non riesce a stare con una ragazza senza essere “distratto” da altre.Proprio questa sua dichiarazione mi ha fatto scoprire per fortuna il suo blog e il suo problema serio: il narcisismo. Beh,nonostante tutto,io ho continuato a frequentarlo e ho cercato di fargli comprendere i suoi limiti,lui di ciò mi ha più volte ringraziato con il cuore.Mi chiedeva di fidanzarci,diceva di amarmi,veniva a prendermi dall’Università, finché due settimane dopo ha fatto di tutto per liquidarmi. Ha trovato le scuse più impensabili,tra cui quella di essere condizionato dalle sue scelte lavorative,mi ha detto che in lui non era scattato niente per far sì che stabilissimo una relazione. Subito dopo c’è stato un bacio, il più bello di tutti, perché ho sentito una parte di lui che non voleva andar via. Nonostante questo, il giorno dopo mi ha subito riscritto,voleva sapere cosa stessi facendo,io l’ho chiamato per chiedergli spiegazioni su quel messaggio. Mi disse che gli andava di scrivermi ma che non sentiva niente,io non ce la facevo a trattenere le lacrime e gli dissi per favore di non cercarmi più. Ha rispettato la mia decisione per soli due giorni. Intanto io stavo male per lui,non riuscii nemmeno a superare l’esame. Iniziò a riscrivermi in amicizia,io in fondo l’ho apprezzato. E come una stupida ho accettato la sua richiesta di chiarimento. Attualmemte ci stiamo frequentando da maggio e sta filando tutto liscio,dice di amarmi. Io ho paura di soffrire ancora ma lo voglio tanto. Alla fine é un ragazzo sensibile e io sono molto affezionata a lui. Oggi mi ha detto che quella volta non era sicuro di volersi impegnare ma che non aveva nessun dubbio su di me. Ma se si ama,si possono avere dei ripensamenti? Mi ha anche confessato che quel giorno non sapeva cosa inventarsi per concludere. Quando io gli rinfaccio questo,lui diventa triste e mi prega di cambiare discorso poiché prova vergogna per quello che ha fatto.Infine ha avuto uno spirito autocritico,questo può essere un’accettazione,da parte sua,degli errori commessi,che porterà ad un suo miglioramento? Forse mi sto solo illudendo, ecco perché vorrei una sua opinione. La ringrazio di cuore.

  • Sara

    Ciao a tutti, dopo 18 anni di matrimonio finalmente mi sto separando da un marito narcisista, dispotico, intollerante, prepotente e perennemente vittima.
    A scriverlo sinceramente mi sento anche un po’ scema, infatti ci si può chiedere perchè una deve rimanere 18 anni con una persona tanto negativa…la risposta è che un uomo così ti colpevolizza, ti sfinisce, ti annienta ma ti si attacca come una cozza quando tu cerchi di scappare…ha bisogno di te per andare avanti.
    Da cattivissimo si sa trasformare in vittima e recita la parte di marito perfetto per un po’ ma poi inevitabilmente torna ad essere arrabbiato col mondo, insoddisfatto di te, critico e polemico nei confronti di tutti.
    Il mio ex marito non è nemmeno molto intelligente, ma è scaltro e astuto e con mille ricatti psicologici è riuscito a tenermi legata a lui per così tanto.
    Abbiamo avuto due figli meravigliosi e quindi ho accettato in qualche modo di stare con lui per il bene della famiglia, per l’amore verso i bambini ma…grazie al cielo sono riuscita a dire bastaaaaa !!!
    Grazie per lo sfogo, io ho 43 anni, vorrei dare un consiglio alle più giovani…se siete già arrivate a capire che il vostro partner soffre di questo disturbo…non aspettate, davvero non aspettate ragazze !
    Scappate a gambe levate e salvatevi !
    Sara

    • Stefi

      Ciao Sara, massima solidarietà e comprensione. Sto vivendo la tua stessa esperienza, pensavo di avere a che fare con una persona borderline ma viste le caratteristiche del narcisista patologico mio marito ci rientra in pieno e dopo 15 anni non ne posso veramente più. Ha le stesse identiche tattiche e gli stessi comportamenti del tuo… ti annientano. Mi dispiace solo per i figli. Un saluto.

      • stefy

        Ciao stefi condividiamo lo stesso nome e lo stesso problema…10 anni con un narcisista che mi criticava in continuazione …sono caduta in depressione più volte e lui nemmeno se ne accorgeva gli bastava ricevere amore e accadimento per il resto non aveva alcuna sensibilità. …dopo il divorzio voluto da me e dopo 3anni ho conosciuto quello che pensavo fosse l.amore della mia vita ( mi riempiva di attenzioni..telefonate …interessato a me in maniera da farmi sentire unica…il che non essendo abituata a tanto amore ha risvegliato in me emozioni e qualità che erano sotterrate ma poi piano piano bastava non eseguire a un suo programma ( intimo naturalmente) apriti cielo iniziavano i musi lunghi .i silenzi e i primi distacchi……per non parlare poi della mia fisicità dopo un periodo di dimagrimento mi ha conosciuto sciupata e magra e grazie al benessere ho preso una decina di chili……da lì sono partite le critiche …diceva che non l.ascolto quando mi dice di far qualcosa per tornare com.ero un linea e che la donna gli piace magra ed ero arrivata al limite di quello che era il suo ideale di donna come fossi un.oggetto da modificare…..da li è partito il mio distacco prima a letto e poi nel dialogo…e gli ho confidato che aveva un problema e che se non mi voleva perdere aveva bisogno di un percorso di psicoterapia io l.avrei anche sostenuto ….barcollava fra promesse di iniziare con il susseguirsi di continui rimandi …ad oggi il rapporto è fermo stagnato gli ho detto che è meglio troncare ma tentenna a lasciare la casa. …….dicendo che non lo fatto più sentire un uomo….

  • Gigliola

    Sono sposata da 2 anni con un uomo che credo rientri nella descrizione di questo articolo. Riesce a farmi sentire colpevole e sbagliata. Rigira a suo piacimento frasi o parole dette in modo ambiguo per fare la vittima e per colpevolizzare.
    Nonostante mi abbia detto che non mi ama più perché ha dovuto sopportare le mie decisioni per anni non cerca una soluzione.
    È stato sottomesso ai miei voleri e visto che nn lavoro (ma curo i nostri 3 figli e ls casa come ho sempre fatto) mi fa Sentire un peso.
    Probabilmente la mia autostima é sottoterra altrimenti non mi sentirei così.
    Mi piacerebbe confrontarmi con qualcun’altra che sta vivendo questa situazione.

  • maria

    io l ho conosciuto su una chatt amore vita sei tutto io ti amo,ecc ecc ,poi alla mia prima critica si e eclissato senza nessunissima spiegazione ,e io dovrei pensare di essere stata presa in giro!!si purtoppo mi sento svuotata e deliberatamente raggirata ho aperto il mio cuore e tutte le mie sensazioni ha fatto dei progetti futuri con me,che in poki giorni si sono persi nel nulla mi sento depressa e una stupida,:(

  • ilaria

    Salve,sono stata anch’io vittima ,mio marito è un narcisista. Dopo il secondo mese di matrimonio è stato un inferno,una abile manipolatore,per attirare l attenzione mette in scena il ruolo da vittima ma in realtà è il carnefice.Era abile nelle menzogne, mi tradiva e dopo mi faceva credere di essere un santo diverso dagli altri uomini. Aveva spesso ossessioni,sul fatto che io potessi tradurlo, soffriva spesso di ansia, noia. Dopo un anno di matrimonio ci siamo lasciata. Adesso ho trovato pace e serenità, soprattutto un consiglio che voglio darvi, amatevi e abbiate cura di voi stessi, e non permettete a queste persone di uccidersi fisicamente che spiritualmente.

  • e.ae

    Mi sono lasciata da circa 10 giorni con una persona del genere, un uomo che diceva di amarmi.. ma che fondamentalmente amava solo se stesso e voleva accanto me solo per accrescere la sua autostima.. una persona che non accettava niente di me, i miei amici, i miei familiari.. tutto ciò che facevo io non era fatto bene. .. voleva i suoi spazi e spesso mi diceva che io gli stavo addosso. .quando era lui che mi aveva chiesto di trasferirmi a casa mia e stargli vixino. .. io ho dei problemi alimentari e a volte ho avuto delle crisi.. in quei momenti pensavo mi stesse vicino. Ho capito che lui c era solo quando era tutto ok.. mi diceva che non aveva bisogno di una persona che si piangeva addosso e dopo una lite ho notato il suo cambiamento. . Nn è stato in grado di stoppare. .. mi ha mandato un SMS dicendo di andare a prendermi le mie cose a casa sia perché doveva riflettere. .. quando mi vedeva mi evitava e se lo chiamavo si arrabbiata dicendo che mi avrebbe cercato lui con calma..che ora voleva star solo e pensare. ..qualche giorno fa presa dall’ angoscia ho cercato lo scontro io e gli ho mandato dei messaggi cattivissimo. . Li si è esposto dicendo che anche se gli manco e mi ama io sono in questo modo e non cambierò mai… ha dato la colpa a me.. ma io so che lui non aspettava altro che una mia reazione. . Mi sono un po pentita delle cose cattive però solo così riesco a mettere un punto io nella mia testa…. ora mi ha bloccato ovunqie e non credo che torni indietro.. ma ho paura che queste persone non riescano mai a chiudere definitivamente. .. si sentono il terreno che gli manca sotto i piedi. .. gli manca il loro oggetto da ferire quotidianamente…

  • e.a

    Mi sono lasciata da circa 10 giorni con una persona del genere, un uomo che diceva di amarmi.. ma che fondamentalmente amaca solo se stesso e voleva accanto me solo per accrescere la sua autostima.. una persona che non accettava niente di me, i miei amici, i miei familiari.. tutto ciò che facevo io non era fatto bene. .. voleva i suoi spazi e spesso mi diceva che io gli stavo addosso. .quando era lui che mi aveva chiesto di trasferirmi a casa mia e stargli vixino. .. io ho dei problemi alimentari e a volte ho avuto delle crisi.. in quei momenti pensavo mi stesse vicino. Ho capito che lui c era solo quando era tutto ok.. mi diceva che non aveva bisogno di una persona che si piangeva addosso e dopo una lite ho notato il suo cambiamento. . Nn è stato in grado di stoppare. .. mi ha mandato un SMS dicendo di andare a prendermi le mie cose a casa sia perché doveva riflettere. .. quando mi vedeva mi evitava e se lo chiamavo si arrabbiata dicendo che mi avrebbe cercato lui con calma..che ora voleva star solo e pensare. ..qualche giorno fa presa dall’ angoscia ho cercato lo scontro io e gli ho mandato dei messaggi cattivissimo. . Li si è esposto dicendo che anche se gli manco e mi ama io sono in questo modo e non cambierò mai… ha dato la colpa a me.. ma io so che lui non aspettava altro che una mia reazione. . Mi sono un po pentita delle cose cattive però solo così riesco a mettere un punto io nella mia testa…. ora mi ha bloccato ovunqie e non credo che torni indietro.. ma ho paura che queste persone non riescano mai a chiudere definitivamente. .. si sentono il terreno che gli manca sotto i piedi. .. gli manca il loro oggetto da ferire quotidianamente…

  • Stella

    Buongiorno a tutti..ho 42 anni e dopo meno di 3 mesi sto cercando di uscire da una situazione con un narcisista. All’inizio tutto perfetto, mi riempiva di complimenti e regali, con il suo modo di fare si è conquistato pure mio figlio..Ma appena ha visto che mi stavo prendendo, sono partite le critiche sul mio modo di vestire i capelli il colore dello smalto la montatura degli occhiali il make up i gusti di mio figlio nel mangiare il mio modo di cucinare e qui paragoni con la madre, prese in giro davanti ad altre persone e via così.. ciliegina sulla torta la sua affermazione che in una coppia ci sono una sacco di cose che sono più importanti e vengono prima del sesso.. sesso che è capitato forse 3 volte e dove ha avuto il coraggio di dirmi di concentrarmi perché x lui ci mettevo troppo tempo ad avere un orgasmo..

  • rossella

    Ho 50 anni e sono stata 1 0 anni con una persona che ritenevo la persona più importante della mia vita. leggendo i vostri messaggi ho capito chi è un narcisista sempre pronto a vantarsi e a tenermi legata a lui. ho saputo che mi ha tradita per 4 anni dopo averlo saputo ho voluto interrompere subito la relazione. dopo tre giorni che non lo vedevo mi ha scritto un messaggio dicendo che aveva capito di aver sbagliato ovviamente io non ho risposto. sono passati 20 giorni e mi arriva un messaggio sempre dicendo che lui ci sarà sempre x me. ho voluto rispondere al suo messaggio per fargli sapere quanto male mi aveva fatto e per farlo sentire in colpa. la sua reazione è stata ancora più deludente oltre a dirmi che non si sarebbe più fatto sentire e vedere augurandomi inoltre di trovare la persona giusta (come se la decisione di non vederci più fosse partita da lui) sembra dalle sue parole che la vittima sia lui e non io. ma è proprio possibile che si comportano così ?sono sicura che questa storia non è finita mi verrà ancora cercare per manipolarmi ancora. non voglio una persona così. come devo comportarmi?

    • Ferrarimonica

      Cara Rossella ho 51 anni e mi trovo esattamente da quasi 20 anni nella tua situazione . Ho scoperto ke qst persone hanno una doppia personalità e devastano la partner per riuscire a colmare i loro gravi problemi. È riuscito a devastarmi la vita ed io arranco per trovare il modo di Nn farmi sottomettere più da un essere così spregevolmente subdolo e malato . Ho imparato a Nn sottomettermi più alle sue tattiche di gioco cercando di pensare prima a me stessa , dimostrandogli ke so’ cavarmela anke senza di lui . È dura , ma con individui così …. O molli e te ne vai o , se vuoi sopravvivere, stringi i denti e prosegui imparando a conviverci cercando di guarire le ferite ke ti hanno inferto , cicatrizzandole , autostimandoti senza più sopperire ai loro bisogni !!!! …. Qst è la realtà !!!

  • marilena

    Io ho imparato oggi che ho un marito narcisista andando da una psicologa e sopratutto leggendo le vostre storie pensavo di essere io in difetto tutti mi vedono una bella donna ,brava mamma perché solo lui non vede ho fatto di tutto per accontentarlo lo provocato per farlo ingelosire ma lui diventa sempre più forte quando non è con me mi manca la terra sotto i piedi spero di liberarmi al più presto come voi

    :-)

  • fra

    Bellissimo articolo, complimenti. Spiegazione completa per il ,riconoscimento dei soggetti affetti da narcisismo maligno, presa la consapevolezza ,c’è da chiedersi credo qualcosa, perché siamo attratti da queste persone? Iniziando da questa domanda forse chi ha subito o subisce, inizia un percorso di risoluzione vera, senza attivare in noi , per reazione altre forme di narcisismo come la critica o l’odio. Detto questo dobbiamo riconoscere dentro di noi il perché siamo disposti a subire, ovviamente ogni persona ha una storia diversa ma sento di dire una cosa che accomuna tutti, è la mancanza di autostima sana, nel senso non siamo tutto ma quello che siamo lo siamo bene, proprio per non essere dipendenti di nessuno, specie quella affettiva, altro piccolo cosiglio sarebbe quello di diversificare l’investimento affettivo, vale a dire apprezzare ed amare tutto quello che ci circonda in maniera incondizionata. Volevo spendere due parole sull’origine del narcisismo maligno, queste persone credo abbiano subbito più di quanto noi possiamo immaginare, nel periodo più importante della loro vita, vale a dire appena nati, non hanno avuto scelta non sono stati riconosciuti nei loro bisogni, forse capire questo ci porterà a guardarli con altri occhi e quindi dargli una opportunità, onestamente è molto difficile aspettarsi dei cambiamenti da queste persone proprio loro si disprezzano profondamente, il motivo di essere narcisisti, non vedere se stessi figuriamoci gli altri. Buon proseguimento

    • Rosalia Giammetta

      Sono d’accordo, Fra. Bisogna chiedersi cosa spinge a continuare a stare in una relazione di questo tipo, quali bisogni vengono soddisfatti.

  • Floriana

    Io ho avuto una storia di 9 anni,e leggendo i vostri commenti,mi sn resa conto che lui era un vero narcisista,io ho subito di tutto:mortificazioni verbali,violenze verbali e fisiche,alla fine ne sono uscita;nel corso degl’anni con varie esperineze,io sono cambiata,dalla ragazza fragile,emotiva,disponibile,insicura e cn bassa autostima,oggi sn diventata aggressiva,arrogante,il partner non lo considero,il mio lato emotivo,fragile l’ho nascosto,appaio alla gente come la ragazza sicura e forte,quando poi incosciamente sò per certo che non lo sono.
    in questi racconti di persone narcisiste mi rispecchio molto e so anke di avere un partner narcisista,voleva,scrivo voleva,perchè nn è riuscito nel suo intento,perchè io nn mi faccio gestire e chiudere in una gabbia (come vissuto in passato),voleva controllarmi sia per come mi vestivo,controllarmi nei miei spostamenti (per avere tutto sotto controllo);alla fine con la mia aggressività gl’ho fatto perdere il controllo su tutto e lui è cambiato,è cambiato perchè ha paura,ma lui mi dice sempre queste parole:”se riuscissi a capire come prendermi o di cosa ho bisogno”,lui cambierebbe.Un partner narcisista, come del resto tutti noi, cambia solo se avverte che nella sua vita qualcosa non va, solo se sente lui stesso la necessità di cambiare.
    io e lui siamo due narcisisti !!

    • Rosalia Giammetta

      Gentile Floriana, la ringrazio per il suo commento, perché sottolinea come siamo sempre pronti a vedere il narcisismo altrui e un po’ meno propensi a individuare il nostro narcisismo.

  • Yolanda Pèrez

    Dopo una relazione con una persona narcisista per 4 anni alla fine mi sono trovata con una persona che non riconoscevo, era spietato nel suo modo di agire, non aveva il minimo di rispetto per il mio dolore quando ci siamo lasciati, come direi adesso che sto quasi bene per che ancora adesso ogni tanto devo farmi aiutare da una psicologa per capire il per che non riuscivo, a lasciarlo andare, solo adesso ho capito il per che: lui si era preso tutti i miei sogni ma adesso piano piano sto lavorando su questo aspetto, loro vanno con un’altra come se nulla fossi, tradiscono ma poi alla fine se ripete la stessa storia con la donna che mi ha lasciata, adesso è alla ricerca de un’altra donna di ridurre in nulla fino a non importare se si vive o no, ti prosciugano fino ad essere tristi senza voglia di vivere per averlo perso poi sono dei grandi bugiardi con un ritorno e andata di sempre li puoi dire di tutto ma sempre ritornano, mi auguro che questa e sopratutto dipende da me il non farlo più entrare nella mia vita.

    • Sono in un periodo bruttissimo, medi e mesi di logoramento, lui mi promette tutto dici di amarmi, piange e piange se litigavamo e nel frattempo aveva un altra storia con un altra ragazza da più di un anno!! Mi è crollato il mondo addosso, sono in terapia e prendo dei calmanti, nn riesco a crederci e nonostante è passato un mese e mezzo va dire alle mie amiche che sta benissimo con la ragazza che ha senza che nessuno gli abbia chiesto nulla!!!! Ma dopo tanto male perché fa ancora così, perché??? Spero che ritorni per dirgli solamente di curarsi solo questo….. Mi ha ingannata su sentimenti a me importantissimi mi sento violentata nell anima, nel cuore e nella testa….. Nn sono più io, nn sono più una persona che spera nel futuro….

  • SONO PERSONE CHE TI FANNO SENTIRE INUTILE,BASTA POCO E ALL IMPROVVISO NON TI DANNO ALCUNA SPIEGAZIONE,SEMBRANO QUASI INFASTIDITI A DARTI DELLE SPIEGAZIONI ABILI MANIPOLATORI E SPIETATI SADICI,POI FINGONO DI AVERE SBAGLIATO MA SOLO PER FINZIONE E MAI PER UNA VERA CONVINZIONE,,IO HO CONOSCIUTO UN UOMO SULLA CHATT INNAMORATO DEVOTO LA MIA FOTO ERA PER LUI COME UN IMMAGGINE STUPENDA SUBLIME SEI BELLISSIMA MI INCANTO STUPENDA SEI DOLCISSIMA BLA BLA BLA,,,SPARITO SENZA NESSUNISSIMA SPIEGAZIONE ED ANCHE IN CHATT,,,PREMETTO CHE NON HO MAI FATTO PRESSIONI O DATO FASTIDIO SOLO CHIESTO IN MANIERA GARBATA DELLE SPIEGAZIONI….E LUI?MUTO!! SONO PASSATI DEI GIORNI E NON HO AVUTO PIU NESSUNA NOTIZIA.COSA HO FATTO DI MALE?

    • sara

      Miriam…Nelle tue parole leggo la mia storia…
      mi piacerebbe un confronto con te, spero di sentirti.

    • patrizia

      Anche a me piacerebbe un confronto con voi, magari e’ la stessa persona che usa lo stesso copione con tutte!!!

  • manuela

    6 anni d’inferno, umiliata, colpevolizzata per cose che esistevano solo nella sua mente, aggredita sia verbalmente che fisicamente,mi faceva vivere continui abbandoni e godeva nel vedermi stare male.
    E’ entrato nella mia vita in un momento molto fragile ed ero convinta di aver trovato un uomo meraviglioso, ero orgogliosa di lui. Dopo poco le prime avvisaglie che ho cercato di perdonare, aggressività, reazioni assurde ed eccessive a normali incomprensioni di coppia, bugie.
    Manie di grandezza che corrispondevano ad una vita piatta e senza empatia. Era capace di dire volgarità irripetibili…per poi apparire perfetto a sconosciuti o familiari
    Materialmente generoso, non ho mai sentito amore in nessun regalo costoso che ho ricevuto
    ho vissuto con Dr Jekyll e Mr Hide. Nascondeva la sua vera indole ai familiari e amici intimi. Ora rimane la rabbia… ma non verso di lui, verso me stessa per aver perdonato troppo ed aver amato troppo. Ma si impara, soffrendo si impara

    • miriam

      Ciao manuela ti scrivo perche immagino tu te ne sia liberata…mi piacerebbe confrontarmi con te per darmi il coraggio e la forza di lasciare il tutto. Ero una ragazza bella solare..pienq di amici…e adesso non ho nulla in mano…se puoi scrivimi sulla mia e mail mi_r@hotmail.it. grazie

  • Purtroppo penso di essere un narcisista leggendo un po’ da questo sito,me ne sono accorto da un po’ di tempo e vorrei farmi seguire da un esperto ,l’empatia e il distruggere tutti i rapporti mi spinge a far qualcosa da solo non penso di riuscirci…

  • natalia mercuri

    il narcisista è molto raffinato…usa i propri strumenti ammaliatori senza farsi accorgere .lentamente ti manipola fino all’annullamento..stare con lui ma soprattutto restarci è un inferno.Consiglio??SE POSSO DARNE….VIA VIA DI QUI.

  • giacomo cipriano 2015

    Da 15 anni divulgo la mia convinzione che il Narcisismo sia in assoluto il virus più pericoloso per la sopravvivenza del genere umano . Sono uno studioso fanatico della ricerca del perchè di ogni comportamento ed ammetto di essermi accorto in colpevole ritardo di questa amara verità . ( ho 57 anni ) Buon proseguimento. (Grazie del Vostro impegno)

  • Buondi’ io ho attraversato una storia simile con una donna narcisista ma la mia domanda e’ possono due individui narcisisti stare insieme? nonostante abbiano lo stesso carattere?

    • Rosalia Giammetta

      Ci sono coppie di narcisisti, certo, e spesso stanno insieme ciascuno con l’intento di dominare l’altro.

  • Marco

    Salve io sono una vittima e preciso che sono un uomo.Dopo nove anni matrimonio ho scoperto mia moglie che e’ una narcisista.In tutto questo tempo non me ne sono reso conto e facevo tutto cio’ che lei mi chiedeva e la trattavo come una regina.Mi sono sentito il suo schiavo e quando cercavo di confrontarmi con lei diventava aggressiva e urlava al infinito.Sto’ parlando al passato da poco mi sono separato perche’ lei mi ha tradito con un altro mio amico narcisista.Il problema e’ che loro mi hanno tradito a mia insaputa e si facevano invitare a cena a casa mia..di mia moglie ne ero e lo sono ancora innamorato ma lei mi odia e mi disprezza e m’infligge colpe che non ho..e quindi ho fatto l’errore di farmi manipolare da entrambi e come si dice a Roma ci sono cascato come una pera cotta…io mi sento perso senza di lei era la mia guida e come se quella parte di me non ce’ piu’ e poi penso che forse non ce’ mai stata..ed e’ stata solamente una mia illusione..Che dire io ci ho convissuto nove anni ma in cambio non avuto mai niente che dire quando avvertite dei capanelli d’allarme non fate come me passandoci sopra si vive una sola volta e queste persone vanno allontante al piu’ presto portano solo sofferenza e dolore!!

  • Marco

    Salve io sono la vittima .Mia moglie si e’ innamorata di un narcisista e ci stiamo separando dopo 9 anni di matrimonio e per fortuna non abbiamo figli.Attualmente lei vive con lui e ha perso la testa per questo uomo con me era serena e tranquilla con lui e’ sempre nervosa e viene spesso manipolata nei miei confronti.Io cerco di spiegargli che sta’ facendo il piu’ grosso sbaglio della sua vita e lei non ascolta e non riesce capire veramente la persona che ha accanto.Il narcisista manovra le sue ex contro di me e mi accusa che io sono il mostro e lui “IL SALVATORE” .Come posso combatterlo e farsi che la mia ex-moglie se ne faccia una ragione?

  • lupu magda

    Sono spsata da 22ani con radu e un ragazzo instabile leggendo questo articolo lui e un narcisista sua mamma e suo fratello si comportano uguale tute le donne che sonno state vicino a’loro ano soferto come me .abbiamo insieme un figlio di 14 anii mi auguro di non iesere come lui .ciau

  • marica

    Ho avuto una relazione di 2 anni con un narcisista. All’inizio era tutto bellissimo, poi appena mi allontanavo avevo paura di perderlo perchè lui si circonda di amiche.
    Gli ho dato tutto, la mia disponibilità, il mio amore, la mia presenza continua ma alla fine lui mi dava sempre meno…e mi son sentita prosciugata, senza forze e così ci siam lasciati. Ho scoperto anche un tradimento e adesso sta con una nuova ragazza.
    Non so perchè mi manca, forse la sua voce, il suo viso, il suo corpo. L’ho ferito criticandolo e lui dice che ha tenuto a me. Ho fatto tutto sempre io, quindi alla fine ha perso lui…spero che se ne renda conto..

  • Sara

    Io mi sono liberata da un narcisista che mi ha distrutto in soli tre mesi. Mi sento rinata. L’unica cosa da fare è prendersi del tempo per capire i loro comportamenti e poi evitarli il più possibile. Lo consiglio, evitare assolutamente questi soggetti dannosi.

  • debora

    Ho letto questo articolo per caso… mi sento turbata e sollevata… credo che mio marito sia un narcisista patologico… cosa posso fare? Abbiamo 2 figli di 14 e 10 anni.

    • Stefy

      mi ci sono voluti 32 anni per capirlo ma finalmente me ne sto liberando….!!! ha approfittato della mia fragilità,ho sofferto molto per la separazione dei miei, mi ha fatto innamorare e poi mi ha sottomessa giorno dopo giorno annullando i miei sogni lavorativi,il mio carattere allegro,facendomi cadere in depressione.H o elemosinato il suo amore, le sue attenzioni, il suo tempo….ed in cambio ho ricevuto solo tradimenti, violenza fisica ma soprattutto psicologica( è riuscito a farmi credere di essere paranoica perchè vedevo tradimenti ovunque…ma poi si divertiva a lasciare tracce in giro….sul pc sul cellulare!!) Queste persone sono pericolose, sono come un cancro che si diffonde poco a poco e ti devasta….sono incapaci di amore, nemmeno per i figli…esiste solo lui le sue necessità, in 30 anni non ha messo nemmeno 1 € da parte per il futuro dei figli, è una sanguisuga…gli piace sfruttare gli altri anche economicamente!! mi sento come quei cani che vengono bastonati dal padrone e loro continuano ad andargli dietro….adesso però il cagnolino si è stancato ed ha capito che anche lui vale e non merita quelle botte anzi…ora è in grado di ribellarsi e di azzannarlo ed è per questo motivo che ho deciso di separarmi….perchè la migliore chemio è una dose di autostima e di amore per se stessi..finalmente!!!!!!!!!!

      • manuela

        ho incontrato un narcisista, colto, attraente, misterioso, che mi ha fatto credere di essere l’unica a poterlo aiutare. io ci ho messo tre anni per capire fino a che punto un narcisista può svuotarti, umiliarti, farti sentire sempre in errore, rigirarti addosso tutte le sue colpe. dopo il primo anno di convivenza, dopo aver subito ogni genere di violenza, emotiva, verbale e fisica, mi ha abbandonata dicendo che con me non sapeva piu che fare. per poco avevo creduto volesse cambiare, era andato da un neurologo, si stava curando per i suoi sbalzi d’umore eccessivi, ma gli pesava troppo e così se ne è andato. mi sono ritrovata senza nulla a cui aggrapparmi, se non i miei figli ai quali dovevo una vita serena. ero sempre stata una persona indipendente e solare e per due mesi non riuscivo a far altro che scoppiare a piangere. sono andata da uno psicologo, al quale ho chiesto di insegnami a dire No. quando è tornato dopo mesi io ero cambiata, gli ho dato un’altra possibilità mantenedo il pugno su ciò che non volevo toccasse di me. mi ha colpevolizzata (di non esere piu la sua schiava), ed ha trovato il modo cmq di prendersi la mia vita..ma stavolta non ho ceduto, non fino in fondo, ci ho messo un anno, i miei figli gli volevano bene ed era ancora piu difficile toglierlo a loro, a cui lui dava un tempo di qualità. lo ho cancellato d’un colpo dalla mia mente, perchè non riuscivo ad affrontare il dolore e la sconfitta, fino a che il mio essere sempre presente per le persone che amo mi ha portata a cercarlo per vedere come stava, se aveva capito, se cercava di crescere. ora so chi è: un traditore bugiardo ossessivo sadico paranoico, manipolatore, una sanguisuga sia emotiva che economica, che non da importanza a nessuno e scarica sempre tutto sugli altri, incapace di un pentimento perchè incapace di sentire realmente qualcosa, ha il cuore chiuso.

        merito di più, merito di amarmi e essere la persona solare che sono e poter dare la mia solarità a chi mi sta intorno, senza aver paura di essere distrutta.
        la violenza non è un istinto da giustificare, è sempre una scelta e chi scegle quella strada non cambierà finchè avra vittime con cui saziare la sua fame.

      • Gianna

        Ciao, anch’io vivo questo dramma da 30 anni, e da tre che ho avuto anche un tumore..
        Mi ha detto e fatto tutto quello che non si può immaginare…mi ci vorrebbero ore x raccontare..
        A volte agnello altre da di matto anche per una stupidata..
        Ha speso soldi a destra e a manca, e le conseguenze sono ancora visibili…anch’io sono uscita di casa più volte, ma altre tante sono rientrata .
        Ho bisogno di pensare anche alla mia salute, ai miei controlli alla mia tranquillità, ma questo non esiste.
        Ogni cosa che fai è un disprezzo, un insulto, un’offesa
        Spesso è minaccioso, e questo mi gela.
        Traditore , falso, cattivo e calunniata anche di aver avuto io più uomini ( suoi amici e conoscenti), sicuramente x coprire i sui tradimenti e le sue colpe.
        Ho davvero imparato psicoligicamente a conoscerlo, e vorrei trovare la forza e il coraggio di lasciarlo.
        La paura è quella che non mi lasci in pace neanche dopo perché lui attribuisce tutti i sui fallimenti a me
        E cmq potrei farlo andandomene senza dire nulla..ho bisogno solo dell’attimo giusto di rabbia e di coraggio soprattutto, non per uscire, ma x il dopo..
        Davvero impressionante come possa annientare una persona.
        Se possibile mi piacerebbe avere un consiglio dalla dottoressa, grazie .

  • Buongiorno, il carattere rigido fallico narcisista manipola, provoca in modo subdolo-sarcastico, non si sente mai in colpa e fa storie come il vampiro affettivo? Grazie

  • Oscar

    La descrizione è un po’cruda e il narcisista quasi mi fa pena. Se poi penso che mia sorella è uscita distrutta da una storia con un tipo del genere, la pena mi passa. Mia sorella ci ha messo anni prima di capire che lui l’aveva messa in una gabbia. Per fortuna ora sta meglio.

    • Rosalia Giammetta

      Il narcisista patologico è una persona che sta male, soprattutto se sente di non riuscire ad avere relazioni davvero intime con gli altri e se sente di non valere niente, ma è anche una persona che può essere molto distruttiva, magari senza rendersene conto. Mi fa piacere che tua sorella si sia ripresa.