Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | settembre 22nd, 2014

Che cos’è l’amor?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Voglio poterti amare senza aggrapparmi,

apprezzarti senza giudicarti,

raggiungerti senza invaderti,

invitarti senza insistere,

lasciarti senza senso di colpa,

criticarti senza biasimarti,

aiutarti senza umiliarti.

 

Se vuoi concedermi la stessa cosa,

allora potremo veramente incontrarci

e aiutarci reciprocamente a crescere. che-cosa-è-l'amore

 

Virginia Satir

 

Photo credit: Stuart Miles

 

 

 

 

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un commento a Che cos’è l’amor?

  • ivan

    amor che nulla ho amato amore mio perdona….
    Sono stati scritti fiumi di parole sull’amore, almeno da quando l’umanità eiste, eppure ancora oggi che crediamo di essere una specie evoluta, assistiamo ad episodi di tal poca evoluzione tale da ricondurci ad uno stato precedente a quello umano. Vorrei tanto, alla fine di questo mio percorso di esistenza, arrivare ad una mimina consapevolezza di essere riuscito, nel mio piccolo grande universo, a comprendere anche solo una piccola percentuale di questo grande sentimento che trascina da secoli la nostra umanità. Ciò che è disumano sinceramente è un universo a me sconosciuto e del quale non ho voglia di comprendere nulla. La cosa che penso maggiormente è che le persone, di qualunque etntia esse siano, ogni giorno prendono delle decisioni dalle quali scaturiscono azioni di bene, male ed inutili. Spero che alla fine del viaggio qualcuno ricordi le prime, impari dalle ultime e lasci le seconde all’inferno dalle quali sono state concepite.

Tu cosa ne pensi?