Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | marzo 18th, 2013

Facebook aiuta a non sentirsi soli?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Su questo sito ho scritto diversi articoli che guardano a Internet da un punto di vista psicologico. In particolare, ho cercato di riflettere sul modo in cui i social network, Facebook in primis, si inseriscono nella vita quotidiana. A volte la loro presenza nelle nostre giornate è così massiccia da far pensare che stare da soli ci faccia paura e che Facebook & Co siano un buon modo per evitare di stare da soli con noi stessi. Ma Facebook può aiutare a non sentirsi soli?

 

Facebook davvero aiuta a non sentirsi soli?

Sono diversi gli studi che hanno evidenziato come uno dei bisogni che spiegano la passione di così tante persone per Facebook sia appunto quello di stare in contatto con gli altri. Una ricerca di qualche mese fa – e i cui risultati mi hanno lasciato sbalordita – riguarda appunto il sentirsi soli e l’uso di Facebook. Non è certo la prima ricerca sul tema ma quella condotta da Deters e Mehl si segnala per una discreta qualità metodologica. In sintesi, i risultati sono questi:

  • i partecipanti che aggiornavano il loro status più spesso del solito si sentivano meno soli rispetto agli altri partecipanti che aggiornavano il loro status secondo le loro abitudini;
  • i partecipanti che aggiornavano il loro status più spesso del solito si sentivano più in connessione con i loro amici e questo a prescindere dal fatto che gli amici rispondessero agli aggiornamenti con commenti o Mi piace.

facebook aiuta a non sentirsi soliL’aspetto che trovo inquietante è appunto il fatto che, per non sentirsi soli, i partecipanti allo studio  non avevano bisogno di una qualche reazione da parte degli altri e che, anche in assenza di feedback,  si sentivano meno soli semplicemente aggiornando spesso il loro status.

A differenza di quanto accade nella vita reale, in cui l’amicizia si caratterizza, tra l’altro, per interazione e reciprocità, online la comunicazione era di per se stessa sufficiente a fare stare meglio. La ricerca non chiarisce i motivi di questo fenomeno e su questo serviranno ulteriori approfondimenti.

 

Per approfondire

Deters, F. G., & Mehl, M. R. (2012). Does posting Facebook status updates increase or decrease loneliness? An online social networking experiment. Social Psychological and Personality Science, December 20, online first.

 

Photo credit: Christina Spicuzza

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un commento a Facebook aiuta a non sentirsi soli?

Tu cosa ne pensi?