Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | luglio 1st, 2013

Fa bene o fa male? Facebook e gli adolescenti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica, nel corso di un seminario che ho condotto in provincia di Roma, a Sant’Oreste, mi sono scontrata ancora una volta con i pregiudizi che tanti adulti hanno rispetto a Facebook e la paura che provano rispetto al fatto che i loro figli adolescenti hanno un profilo su Facebook: in sintesi, molti genitori ritengono Facebook pericoloso e temono che Facebook faccia male ai loro figli.

 

Le paure dei genitori riguardo adolescenti e Facebook e la realtà

Facebook fa bene o male agli adolescentiI genitori si lamentano per il numero di ore che i figli trascorrono connessi a Facebook o in generale su Internet e temono che i figli possano venire adescati da adulti o che un adulto riesca a farsi dare il numero della carta di credito.

Mi sono così trovata a chiarire che Facebook e Internet di per sé non sono né buoni né cattivi: sono strumenti che possono essere dannosi o utili, a seconda dell’uso che se ne fa. E ho ricordato che anche l’invenzione del telefono è stata vista illo tempore come una minaccia alla moralità, poiché si immaginava che gli uomini avrebbero utilizzato il telefono per fare telefonate oscene alle donne.

Gli adolescenti sono meno sprovveduti di quanto pensiamo e, tra i rischi segnalati dai genitori, quello più grave è il numero di ore impegnato su Facebook e simili e sottratto ad attività di altro tipo, magari fuori casa. È però un fatto che alcuni adolescenti vengono letteralmente risucchiati da Facebook e fanno fatica a staccarsene. Ed è altrettanto vero che ci sono adolescenti che hanno incontrato adulti sconosciuti che avevano intenzioni sessuali o che si sono fatti convincere a dare il numero della carta di credito, ma non è quello che accade di solito su Facebook.

Il pericolo più grande per gli adolescenti non sono infatti gli adulti ma i coetanei, altri adolescenti che si servono di Facebook per aggredire, offendere, umiliare. Il cyberbullismo è una eventualità che riguarda più di un adolescente su quattro ed è anche la cosa di cui gli adolescenti hanno più paura.

Il cyberbullismo è però un cattivo uso della tecnologia, che di per sé non è né buona né cattiva.

 

Photo credit: The-Metal-Maniac

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?