Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | dicembre 24th, 2012

Invidia e gelosia: perché preferiamo dire che è gelosia e non invidia?

  • 68
  •  
  • 8
  •  
  •  
  •  
    76
    Shares

Torno sul tema dell’invidia per cercare stavolta di delinearne le differenze rispetto a un altro sentimento anch’esso spinoso: la gelosia. Questo perché, nel linguaggio quotidiano, l’invidia è spesso confusa con la gelosia: a volte sarebbe più corretto parlare di invidia ma viene usato il termine gelosia. E preferiamo dire che si tratta di gelosia anziché di invidia soprattutto se stiamo parlando di noi stessi.

 

Perché preferiamo dire che è gelosia e non invidia?

La preferenza accordata alla gelosia si spiega con il fatto che la gelosia è un’emozione che sia noi che la morale sociale accettiamo con più facilità. La gelosia implica infatti un rapporto d’amore e fa sentire meno in colpa che non l’invidia: la gelosia mira a salvaguardare il legame esistente con una persona amata, legame minacciato dall’intrusione di un terzo elemento.

Mentre l’invidia implica l’impulso a danneggiare l’altra persona, la gelosia mira al mantenimento del possesso della persona amata e alla eliminazione del rivale.

Se ammettere di essere invidiosi vuol dire dichiarare di desiderare ciò che non si ha e con ciò la propria inferiorità rispetto a un’altra persona, ammettere di essere gelosi vuol dire, almeno in parte, di avere un qualche legame affettivo con questa persona.

La gelosia, con il suo aspetto romantico, può di fatto essere una difesa dall’invidia. Appare quasi nobile confessare di aver paura di perdere chi amiamo, di non essere i figli o gli amici preferiti. E proviamo empatia per la sofferenza di chi è geloso, visto che tutti temiamo di essere abbandonati e di rimanere soli, e repulsa verso l’invidioso.

Se l’invidioso vuole danneggiare l’altra persona e con ciò eliminare una costante fonte di rimprovero, chi è geloso desidera che l’altra persona ricambi il suo affetto e le sue attenzioni, la sua stima, e che non si intrufoli qualcuno a privarlo di questa condizione.

 

La gelosia è dolorosa?

La gelosia non è un sentimento granché piacevole e infatti un grande psichiatra come Sullivan sosteneva che la gelosia potrebbe essere molto più devastante e dolorosa dell’invidia soprattutto quando assume dimensioni deliranti che fanno vedere a chi è geloso cose che nella realtà non esistono e lo spingono a comportamenti distruttivi.

Edvard Munch - Gelosia

Edvard Munch – Gelosia

È il caso arcinoto di Otello (oltre che di numerosi e tristi fatti di cronaca). Otello, spinto dall’invidioso Iago a pensare che la moglie Desdemona lo tradisce, finisce con l’ucciderla.

Anche quando non giunge a questi picchi, la gelosia è sgradevole tanto per chi la prova quanto per chi la subisce.

Lasciando stare quale tra gelosia e invidia sia il male minore, ciò che accomuna  queste emozioni è il fatto che, a livello della percezione di se stessi, sia l’invidia che la gelosia nascono da un’autostima precaria, da quelle quote di insicurezza e sfiducia così tipicamente umane. Chi è geloso può considerare che il rivale abbia meriti superiori ai suoi e aver paura di non essere degno d’amore. Paura umana, troppo umana.

Mi fermo qui. Come scriveva Freud (in verità riferendosi ad altri temi):

Se volete saperne di più… interrogate la vostra esperienza, o rivolgetevi ai poeti, oppure attendete che la scienza possa darvi ragguagli meglio approfonditi e più coerenti.

 

Per approfondire

Invidia, o inferiorità e tristezza per i beni altrui

Perché è così difficile chiedere aiuto a uno psicologo?

Come riconoscere un partner narcisista

 

Photo credit: Wikicommonscuteimage

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli .

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  • 68
  •  
  • 8
  •  
  •  
  •  
    76
    Shares

Tu cosa ne pensi?