Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | gennaio 26th, 2014

Quando perdiamo una persona cara

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Superare il lutto si può

 orme sabbia

Quando viviamo un lutto, quando viene a mancare qualcuno che abbiamo amato, tutto cambia colore e assume forme nuove. Tutto crolla. Karl Popper diceva: “Ogni volta che muore un uomo, è un universo intero ad andare distrutto”.  

Che cos’è il lutto

Se andiamo all’etimologia della parola lutto, essa deriva dal latino luctus che significa dolore, cordoglio. Di solito utilizziamo la parola lutto sia per indicare la reazione emotiva che segue la morte di una persona a noi cara e sia il periodo che segue la sua scomparsa.

È naturale vivere e sperimentare stati emotivi legati allo sconforto, alla vulnerabilità, alla perdita di senso dell’esistenza stessa. Ma uno sguardo profondo può aiutarci a vedere le cose in maniera diversa.

Quando si perde qualcuno di caro, si spendono molte energie nel tentativo di reagire nella maniera giusta. In realtà non esiste una maniera giusta. La ferita aperta dal lutto, come tutte le ferite, per potersi rimarginare ha bisogno di tempo, di cure e di dedizione.

Cosa rimane

Quello che rimane dei nostri morti sono le loro immagini, i nostri ricordi. Il nostro mondo interiore è ricco di queste immagini, è come un album fotografico nel quale custodiamo le immagini di chi non c’è più. Ci sono dunque dei ricordi che continuano a vivere nei nostri occhi, e sono vivi come il seme che questi hanno lasciato in noi, anche se noi vediamo solo l’albero o i frutti che questo albero ci darà.

Seppellire i morti non è solo una pratica funeraria, ma racchiude in sé il significato di ricordarci che siamo nel regno delle immagini e ricordarli come erano in vita, nei loro momenti di gioia, di piacere e di vita è il regalo più grande che possiamo fare alla loro memoria. Perché è nella memoria che rinnoviamo la promessa di quel seme che ci è stato donato.

In questo modo si diventa grandi, ci si libera dalle illusioni e si restituisce alla vita ciò che la vita ci ha dato. Non è questo un discorso religioso e ne moralistico. Ma un discorso legato alla natura delle cose. Perché è nell’intimo della natura che riscopriamo la vera natura del nostro essere.

Cose che potresti fare

Un tempo l’evento della perdita di qualcuno portava con se una serie di rituali che coinvolgevano le persone più prossime e la comunità a loro vicine. Questo favoriva un graduale processo di accettazione del lutto, riordinava e riformava le coordinate della vita di chi restava. Al giorno d’oggi invece tutto è diventato più difficile. Molti dei rituali di un tempo si sono persi, il tempo che ci diamo da dedicare all’evento in sé si riduce sempre più. Le nostre vite sono spesso piene di cose da fare, ed è difficile fermarsi e trovare gli spazi necessari per stare con il proprio dolore. Anzi, a volte, proprio per evitarci questo contatto ci reimmergiamo immediatamente nelle nostre attività di tutti i giorni. The show must go on!

Magari, se proviamo a sbottonarci, ad aprire le porte al nostro dolore, ci sentiamo dire che dobbiamo essere forti, che non dobbiamo piangere, che sono cose naturali, che li dove è andato sta sicuramente meglio. Dentro di noi si accende un insegna luminosa che dice: DEVI ESSERE FOR TE, NON FARTI VEDERE PIANGERE.

Invece….

Lasciamo che la sofferenza esca e si esprima, non reprimiamola. Il dolore ha bisogno di essere ascoltato. Appena possiamo, fermiamo tutto e prendiamoci dei giorni di pausa. La perdita di una persona cara ci riporta in una dimensione di intima fragilità. Ascoltiamoci. Se abbiamo bisogno di parlare con qualcuno, di contattare una figura spirituale, di stare per un pò in silenzio, facciamolo. Non ci sono delle vie giuste e altre no, ognuno ha il suo modo di vivere il lutto. Non sto dicendo che la vita si debba fermare, ma per lo meno darsi la possibilità di entrare in contatto con il dolore. La morte è una delle esperienze importanti della vita, al pari della nascita, è degna di essere vissuta. Se la ignoriamo si potrebbero aprire le porte ad uno sconforto anche più grande, come per esempio uno stato depressivo.

 

 

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, seminari o altre richieste, puoi scrivere a Gioele D’Ambrosio oppure telefonargli al 339.7098160.

foto credit: GiorgioLeccardi


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

14 commenti a Quando perdiamo una persona cara

  • rita fattori

    ciao, sono Rita. ho perso il mio papà 5 mesi fà. pensavo con il tempo di stare meglio, invece non è cosi. sto sempre peggio. Ho ancora la mia mamma, cerco di pensare a lei il più possibile, ma la mancanza del mio papà è talmente forte che non riesco a reagire.Mi sento dire che è un passaggio normale della vita, bisogna essere sereni ed andare avanti, lui vorrebbe cosi. Non vorrebbe vedermi soffrire, ha cercato sempre di rendermi felice in tutto e per tutto fino all ultimo istante della sua vita. mi manca da morire e vorrei tanto fosse ancora qui

  • franco radici

    Ho perso mia moglie 5 anni fa e da allora vivo nel vuoto di
    una vita inutile e già sufficientemente vissuta. Non c’è mai una possibilità di contatto con chi ci ha lasciato;tu rimani vittima del tuo dolore e dell’ignoto. A che serve la fede se
    non ti da le giuste risposte. Se ti rimangono in sospeso capitoli mai chiusi, cosa possiamo raccontare alla nostra anima straziata ? La realtà è fatta di cose vere, di amore corrisposto, di vita vissuta.

  • ho perso mia madre sei mesi fa per un brutto male e ho un vuoto assurdo….mi manca tanto parlare con lei sentire la vove, un semplice messaggio o telefonata.

    non pensavo fosse cosi dura da sopportare forse perchè la vedevo ancora giovane e piena di vita (aveva 70 anni…)

    per mia fortuna ho la mia famiglia con una moglie e due ragazzi che mi spingono ad andare avanti ma sto facendo fatica

    anche il pensiero di mio padre sofferente rimasto vedovo mi manda ai matti….

    chissà quando si attuenerà un poco questa sofferenza

    salti e scusate lo sfogo

  • patrizia

    Ho perso il mio papà 5 mesi fa…continuo ad aspettare che rientra a casa ,che mi telefona,parlo con lui,
    Dormo a tratti e mi sveglio pensando e ripensando a lui…sono in una sorta di confusione tra realtà e sogno…ho tanto vuoto,dalla sua morte è cambiato tutto,una parte della mia vita è morta si è fermata…mi sento spoglia…

    • Vittoria

      Ciao patrizia ho letto quello che hai scritto di tuo padre.. Ti capisco un mondo io ho perso mia madre26fa e mio padre 6anni fa dolori mortali mi mancano ogni giorno di più lasciano un vuoto incolmabile che non passerà mai… Spero che siano insieme e che stanno bene… Ti abbraccio forte forte Patrizia sii serena che tuo padre chiede solo questo ❤️💋

  • Luci 54

    Mio fratello è morto 3 mesi fa dopo immmani sofferenze durate 5 anni l’abbiamo visto consumarsi lentamente e nonostante tutto ho sempre avuto la speranza che con un trapianto sarebbe stato possibile salvarlo ma purtroppo il suo fisico era troppo debilitato,dopo la sua morte io sono sprofondata in una angoscia mostruosa che non mi dà tregua. Io gli parlo come fosse ancora qui ma avrei voglia di piangerlo sulla tomba ma per sua volontà è stato cremato e le ceneri le conserva in casa mia cognata e la cosa non è stata accettata né da mia mamma e da me oltre al dolore si aggiunge altro dolore .

  • katiuscia

    ho perso mio marito il 06 novembre 2016 sono passati poco piu di tre mesi ed incomoncio adesso ad avere un po di lucidita… dopo lo schok subito lui era in piena salute ma purtroppo un incidente stradale lo ha portato via a soli 47 anni e quando guardo i nostri figli il mio cuore si spacca in due …. io ho 45 anni e per fortuna i miei genitori sono vivi e in salute ma nn posso pensare che hai miei figli è stato tolto il padre ad un età cosi tenera ed io faccio davvero fatica a ritrovare un equilibrio familiare. nn so ancora cosa fare .. <3

  • Giovy

    Io sto vivendo questa esperienza di profondo dolore.Mia madre è morta sette mesi fa e mi sembra come se fosse successo ieri.A volte mi ritrovo in crisi improvvise di pianto.I sogni mantengono spesso il contatto con lei.Mia mamma vive nel mio cuore e mi conforto.La fede e la mia preghiera mi aiutano ad andare avanti .

    • Samantha

      Il 5 ottobre e’ morta la mia adorata mamma…..avevamo un rapporto splendido. Abbiamo vissuto un vita insieme, lei e’ stata una donna eccezionale, mi ha fatto da madre e da padre. Sono distrutta dal dolore, il vuoto che provo e’ immenso….

      • fabrizio fuscio

        Ciao samantha.. io ho vissuto stasera un esperienza che mi ha veramenre scavato un solco dentro di me…posso solo dire che un senso di solitudine di sconforto e di impotenza mi assale..la cosa peggiore e che non riesco a capire se e piu giusto fuggire dai pensieri ma in quel caso mi sento in colpa o se e meglio logorarsi la mente…ti sono vicino intellettualmente…un sincero e forte abberccio

      • ERIKA

        IO PENSO CHE DOPO IL TRAUMA INIZIALE LA PREGHIERA E LA FEDE SIANO L’UNICA COSA CHE UNA PERSONA POSSA FARE PER SENTIRSI IN PACE.
        NON CIPOSSONO ESSERE PAROLE PER CONSOLARE UNA PERSONA A CUI E’ VENUTA A MANACARE UNA PERSONA CARA.
        OGGI HO SCOPERTO CHE UNA MIA GRANDE AMICA E’ MORTA, E LO HO SCOPERTO ALLIMPROVVISO.
        ANCORA NON RIESCO A CREDERE CHE LEI NON CI SIA PIU’.
        IO SONO SICURA CHE LEI SIA QUI COMUNQUE ANCHE SE IN UN ALTRO MODO.
        L’ANNO SCORSO HO PERSO MIA NONNA ALLA QUALE ERO MOLTO LEGATA, LA HO CERCATA SPESSO E LE HO PARLATO NEL BUIO.ADESSO RIESCO A SCHERZARE E RIPETERE ALCUNI DEI SUOI MODI DI DIRE CHE CI FACEVANO SPESSO RIDERE A ME A MIA SORELLA E MIA MADRE.PORTO CON ME IL SUO RICORDO E SO CHE HA FATTO PARTE DELLA MIA VITA.QUESTO NESSUNO TE LO PUO’ TOGLIERE.
        SE LA MIA AMICA POTESSE ORA LEGGERE QUESTE PAROLE E DIRE LA SUA, SICURAMENTE DIREBBE CHE NON HO SCRITTO CORRETTAMENTE IN ITALIANO, LEI ERA VERAMENTE MOLTO ATTENTA E MOLTO BRAVA A SCRIVERE E SI ESPRIMEVA SEMPRE IN MODO NOTEVOLE.UN ABBRACCIO A TUTTI COLORO CHE HANNO PERSO QUALCUNO.
        LEGGETE LA STORIA DEL SEME DI SENAPE E’ BELLISSIMA!

  • Secondo me, quando muore una persona cara, un’altra soluzione che ci fa riflettere pensare e affrontare i momenti difficili è un viaggio nel vero deserto.

  • Remember

    La morte è la PIU’ importante esperienza della vita, nel momento in cui la affrontiamo, a differenza della nascita, siamo adulti, e può capitare purtroppo, anche lucidi, la viviamo, ma poi se succede non lo raccontiamo. Comunque è tutto vero, quello che c’è scritto, psicologia e basta, discorsi generici che mi frullano in testa anche senza aiuto, come a te o ad altri penso, però c’è chi non ci arriva, e servono, hai ragione su tutto Gioele.

    • Franco

      Anche il silenzio e i ricordi sono forti…
      Forse semplicemente sono più forti di me?
      Tutte le notti mi sveglio e provo a riflettere… ma non trovo una spiegazione confortante.. io vorrei fosse ancora qui…

Tu cosa ne pensi?