Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

19 commenti a Andare dallo psicologo o da uno psicoterapeuta? Perché dovrei farlo?

  • Monia

    Complimenti per l’articolo! Davvero esaustivo e ricco di spunti di riflessione.

  • Annabel

    Ciao mi chiamo Annabel e ho 18 anni. Non sto bene con me stessa,non mi piace il mio corpo perché ho la psoriasi. Sento sempre di essere inferiore e di non riuscire in niente,di non aver nulla di speciale. Litigo spesso con la mia famiglia perché ho degli scatti di rabbia e da un o di tempo sto pensando di a dare da uno psicologo o psicoterapeuta ma non so se i miei problemi richiedano un intervento o no.

    • Rosalia Giammetta

      Ciao, Annabel. Dipende da quanto quello che descrivi (rapporto col tuo corpo, autostima, rabbia ecc.) impatta sulla tua vita e la ostacola.

  • Renato

    Mi chiamo Renato ho 52 anni, sono solo, lavoro saltuariamente non ho una compagna, mi sento deluso a questo punto della mia vita?
    A volte penso che sarebbe meglio farla finita, non trovo soluzioni fattibili e sto pensando di rinunciare perfino a cercarle, non ho nemmeno risorse da investire, in poco tempo ho perso tutto, sopravvivo a stento, a chi potrei rivolgermi …
    Renato, da Torino….

  • Fiammetta

    Ho 18 anni e durante un orrendo periodo della mia vita dominato da ansia e tristezza ho deciso di rivolgermi ad una psicologa. Ho intrapreso un percorso che mi ha permesso di stare meglio portandomi a valorizzare le risorse che sono in me e negli altri. Ora che questo percorso sta giungendo al termine sento venire a mancarmi certezze e punti di riferimento.

  • elena

    Salve a tutti, ho letto l articolo e purtroppo quando si parla dei casi per cui una persona dovrebbe consultare uno psicologo io mi ritrovo in molti punti…ovvero stato di ansi attacchi cardiaci, incapacità di svolgere il mio lavoro per distrazione, inappetenza ed evito di parlare di certe cose perchè mi imbarazzano mentre prima erano indifferenti specialmente dopo un brutto episodio i famiglia….ho valutato e chiesto consigli ai familiari se iniziare una psicoterapia mi possa aiutare a risolvere questi problemi..ma la loro risposta è stata: “se sei riuscita a superare la depressione dopo il parto riesci a superare anche questa” si in parte hanno ragione ho superato la depressione dopo il parto perchè andando avanti avevo delle soddisfazioni questa volta invece continuo con la paura che tutto si possa ripetere. Premetto che non parlo di alcuna violenza subita. Cosa mi consigliate? Grazie in anticipo

  • Martina

    Io rientro nella categoria “ho 16 anni ma mi sento una poco di buono”, sono stata vittima di bullismo mi taglio e come se non bastasse apparte essere sempre di cattivo umore è essere sempre incazzata c’è mio babbo che ha sempre un motivo per dare la colpa a me anche se poi alla fine non ho colpa dipende dai casi. Avrei bisogno di aiuto ma mi vergogno a chiederlo senza pensare che adesso un piscologo costa anche tanto e i miei non hanno molti soldi.

    • Rosalia Giammetta

      Cara Martina, la questione dei soldi si può aggirare se ti rivolgi a un consultorio familiare. Nei consultori di solito c’è uno spazio (gratuito) dedicato agli adolescenti.
      Per quanto riguarda la vergogna, beh, dovresti chiederti di cosa ti vergogni e poi valutare se è meglio rimanere dove sei o rivolgerti a un professionista e provare a stare meglio.

  • michele

    io non ho una vita sociale, sono apatico e non ho autostima, secondo te mi servirebbe andare dallo psicologo? Poi ho solo 20 anni e penso che la situazione cambia da sola prima o poi ma non faccio nulla per cambiarla.

    • Rosalia Giammetta

      Beh, Michele, mi sembra improbabile che le cose che vogliamo accadano da sole, senza alcun impegno né rischio. Hai vent’anni, ma potresti ritrovarti nella situazione in cui sei adesso anche quando di anni ne avrai trenta, se non ti decidi a far qualcosa. Un paio di colloqui potrebbero aiutarti a sbloccare la situazione, certo.

  • giovanni

    E’ difficile.

    • Rosalia Giammetta

      E’ difficile, Giovanni. Jung diceva una cosa che io trovo molto bella: “Ogni vita non vissuta accumula rancore verso di noi, dentro di noi: moltiplica le presenze ostili. Così diventiamo spietati con noi stessi e con gli altri.” Bene, decidere di fare una psicoterapia può aiutare a vivere meglio. Non mi sembra cosa di poco conto.

  • Maria Teresa

    e se il problema è non riuscire a parlare come si va dallo psicologo senza dire una parola? (capisco anche che è un ottimo motivo per andarci…)

    • Rosalia Giammetta

      L’eventualità di cui parli, Maria Teresa, non è affatto remota, purtroppo. A volte non riusciamo a fare quello che vorremmo o che sappiamo sarebbe meglio per noi. Cosa può impedire di parlare con uno psicologo? La paura di essere giudicati, o di non essere capiti? La vergogna di aver bisogno d’aiuto? La paura di dipendere da qualcuno che è un estraneo?

  • Lev Tolstoj

    Io ci manderei mia moglie. E di corsa.

  • paolo

    Sono convinto che tutti dovrebbero fare un esperienza psicoterapeutica nella loro vita, anche se pensano di stare bene!

    • Ha ragione, Paolo! Una psicoterapia è come un viaggio dentro se stessi. Può essere a volte difficile e faticoso, ma ti aiuta a sciogliere tanti nodi, a renderti conto di tante cose e a vivere con maggiore pienezza.

Tu cosa ne pensi?