Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | giugno 24th, 2012

Quante cose diciamo di noi su Facebook?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono molte le persone che sostengono di sentirsi su Facebook più libere di esprimersi, più propense a parlare di se stesse: sentono che quello che raccontano rimane separato dalla vita reale e non ha delle conseguenze concrete, delle ripercussioni su di essa.

 

Facebook e la disinibizione

È questo uno degli effetti della disinibizione che, senza che ce ne rendiamo conto, si verifica a volte nella comunicazione online. Lemotività ha il sopravvento e siamo spinti a dire ciò che in un contesto reale non avremmo detto. La disinibizione, ad esempio, può far pubblicare delle foto in cui si è ubriachi o post su questioni estremamente intime o carichi di rabbia contro il proprio datore di lavoro.

Quante cose diciamo di noi su Facebook

Su Facebook parliamo di noi…

Peccato però che, attraverso la catena amici-amici-degli-amici, questi commenti risultino visibili anche a chi non dovrebbero.

Oltre ad aver ferito qualcuno (pensiamo alle vittime di cyberbullismo) e determinato tirate d’orecchio e licenziamenti, la disinibizione su Facebook scatena un bel po’ di litigi tra le persone fidanzate o sposate: quanto pubblicato su Facebook dal partner (e di cui in altri tempi e con altra tecnologia non si sarebbe saputo nulla…) può alimentare dubbi sulla sua sincerità e fedeltà e avviare delle corpose crisi di gelosia.

I motivi che spiegano la disinibizione su Facebook sono principalmente due: l’invisibilità e la asincronia della comunicazione.

Innanzitutto l’invisibilità. Quando raccontiamo a una persona cosa ci è successo o come ci sentiamo, l’espressione che leggiamo sul suo volto ci aiuta a capire se è interessata alle nostre parole, se l’emotività che c’è nel nostro discorso è per lei troppa o se stiamo sbagliando il tono; la sua reazione ci aiuta a trovare un equilibrio tra il nostro desiderio di aprirci e la sua capacità e volontà di ascoltarci. Quando aggiorniamo il nostro stato su Facebook o quando siamo in chat, questo aspetto non è presente e così è possibile che diciamo cose su di noi particolarmente intime e in un modo che non è necessariamente il migliore.

Quante cose diciamo di noi su Facebook

… oppure non ci lasciamo scappare niente?

La asincronia della comunicazione si riferisce al fatto che la reazione a un post su Facebook arriva, se arriva, dopo che abbiamo finito di scriverlo. Diversamente, durante una chiacchierata faccia a faccia, è possibile che il nostro interlocutore ci interrompa con delle domande o per parlare a sua volta di qualcosa che gli sta a cuore, troncando il nostro discorso a metà.

Su Facebook il feedback proveniente dall’altra persona è sempre parziale e quindi non abbiamo un limite esterno con cui regolarci. Siamo noi stessi a doverci controllare e a valutare se è il caso di condividere certi stati d’animo e opinioni oppure no. Magari dopo aver contato sino a dieci.

La disinibizione su Facebook e online non è necessariamente dannosa, perché, opportunamente smussata, può trasformarsi in intimità, ma bisogna essere consapevoli delle conseguenze, per noi e per gli altri, di ciò che condividiamo. Bisogna sapersi fermare. Insomma, condividere sì, ma senza dimenticare il rispetto verso noi e verso le altre persone.

 

Per approfondire

Suler J. (2004). The Online Disinhibition Effect. CyberPsychology and Behavior. 7:321-326.

Facebook: perché lo usiamo?

Facebook: il tuo profilo ti somiglia più di quanto credi

Facebook aiuta a non sentirsi soli?

Tra Facebook e iPhone riusciamo ancora a stare da soli?

Facebook isola e allontana dalla vita reale?

Adolescenti tra Internet e Facebook: i dati di Eurispes e Telefono Azzurro

Adolescenti su Facebook: i genitori dovrebbero preoccuparsi?

 

Photo credit: Morguefile | WikiCommons

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli .

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?