Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | aprile 29th, 2013

Suicidi e media: da Werther a Marilyn Monroe

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Soprattutto nelle ultime settimane, le cronache dei giornali si sono riempite di notizie relative a persone che hanno scelto di uccidersi perché schiacciate da tutte quelle preoccupazioni e tensioni connesse al non avere un lavoro o al trovarsi costretti a licenziare per fare andare avanti l’azienda. Sul legame che può esserci tra alcuni suicidi e la crisi economica ho già scritto. Torno sull’argomento per sottolineare che, tra i tanti fattori che spingono una persona a togliersi la vita, può esserci anche, in alcuni casi, il modo in cui i media parlano dei suicidi.

 

Media ed effetto Werther

Che l’uomo sia un animale sociale, le cui scelte dipendono in parte da quello che fanno gli altri, è cosa nota sin dai tempi di Aristotele. E non sempre i comportamenti che imitiamo sono comportamenti di salute.

Per indicare l’influenza che i media – giornali, trasmissioni televisive e radiofoniche, siti Internet, etc. – possono avere sulla decisione di suicidarsi, Phillips, sociologo statunitense, propose il termine “effetto Werther”.

L’effetto Werther prende il nome dal romanzo di Goethe I dolori del giovane Werther, in cui Werther, respinto da Lotte, si uccide: dopo la pubblicazione del romanzo, nel 1774, in tutta Europa tantissime persone decisero di imitare il gesto di Werther e si suicidarono.

Stessa ondata di suicidi nel 1962, all’annuncio del suicidio di Marilyn Monroe.

Davvero i media ci influenzano?

È ovvio che, se bastasse leggere che una persona si è suicidata per suicidarsi a propria volta, non ci sarei neanch’io qui a scriverne.

Il modo in cui reagiamo alle cose della vita è quanto mai soggettivo e complesso e, dietro la decisione di uccidersi, ci sono soprattutto fattori legati alla personalità: in primis, stati di depressione e poca capacità di mettere a frutto risorse personali e sociali per affrontare la depressione e in generale momenti critici e stress, cioè una bassa resilienza. Accade così che, per alcune persone, sapere che altri hanno scelto la via del suicidio legittima a fare altrettanto. Soprattutto se vengono ravvisate somiglianze con quelle persone, se sembra di avere gli stessi problemi e difficoltà, meccanismo che in psicologia si chiama identificazione, è possibile che l’altro venga preso come modello da imitare.

Dunque, le notizie di suicidi in alcuni riecheggiano in modo tale da fare da molla, in altri creano dolore e pietas.

 

Parlare dei suicidi con qualche accortezza

Questo significa che, nel parlare dei suicidi, è necessario che i media usino qualche accortezza. L’Organizzazione mondiale della sanità ha stilato al riguardo un elenco di consigli:

  • dare corrette informazioni sul tema del suicidio;
  • evitare un linguaggio sensazionalistico o normalizzante e non presentare il suicidio come un modo ragionevole per risolvere i problemi;
  • evitare di collocare la notizia in primo piano, ad esempio in prima pagina o in apertura di telegiornali o giornali radio, e di ripeterla;
  • evitare dettagli sul metodo di suicidio o tentato suicidio o sul luogo dove esso è avvenuto;
  • prestare attenzione all’utilizzo delle parole nel titolo e all’utilizzo di fotografie o riprese video;
  • prestare particolare attenzione alle modalità di presentazione di suicidi di personaggi famosi;
  • mostrare rispetto e cautela per le persone in lutto a causa del suicidio di un parente o conoscente;
  • tenere presente che gli stessi giornalisti possono essere emotivamente colpiti da un evento come il suicidio.
suicidi e media da werther a marilyn monroe

Meglio chiedere aiuto.

Sempre secondo le linee guida dell’OMS, i media dovrebbero fornire informazioni sui centri di prevenzione, help line e servizi a cui rivolgersi e incoraggiare chi è in difficoltà a chiedere aiuto.

Seguendo questo consiglio, ricordo che a Roma esiste il Servizio per la prevenzione del suicido presso l’Ospedale Sant’Andrea, help line attiva da lunedì a venerdì dalle 9:30 alle 16:30 al numero 06.33777740.

 

Photo credit: bplanet

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?