Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | febbraio 11th, 2013

Storie di città: riabilitazione psichiatrica e soggettività

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì scorso, sono andata alla presentazione del volume Storie di città. Itinerari del cuore… fatti con i piedi. È una raccolta di racconti ispirati a vari luoghi di Roma, una raccolta curata dal Centro Diurno di via Montesanto (Roma), frutto della collaborazione di pazienti e operatori. In Storie di città si susseguono narrazioni di Roma diverse per stile e ritmo, ma sempre generate dai ricordi, dall’esperienza, insomma dalla visione soggettiva di chi le ha scritte. Una visione parziale, cioè di parte e che taglia fuori tante altre descrizioni possibili. Al di là della qualità artistica, Storie di città è un felice esempio di riabilitazione psichiatrica postmoderna, condotta sul territorio, nel mondo reale.

È una città non sempre da cartolina né splendida quella delineata dagli undici itinerari di Storie di città. Sono passeggiate a volte inconsuete, spregiudicate – quanti si sono mai avventurati nel fare un giro a piedi a Casalotti? – che hanno forse permesso a chi le ha descritte di riappropriarsi, in modo parallelo, di alcuni frammenti della sua città e della sua storia personale.

 

Una riabilitazione psichiatrica postmoderna

Esempio di riabilitazione psichiatrica postmoderna, dicevo. Sì, perché la riabilitazione psichiatrica (o psicosociale) si è pian piano affrancata dall’essere solo un modo per far passare il tempo (se non ammazzarlo) a persone cui gravi problemi mentali avevano reso invivibile la vita, proponendo loro attività avulse dai loro interessi o da uno scopo esterno. Penso a tutte quelle attività proposte ai pazienti “perché i pazienti devono pur fare qualcosa”.

storie di città e riabilitazione psichiatrica - libroMa il fare è “terapeutico” solo se ha un obiettivo e se serve a qualcosa.

Prendiamo l’ortoterapia: se coltivo pomodori che poi non trasformo in un sugo né vendo ma faccio marcire sulla pianta, l’ortoterapia sarà un’attività avvilente, che mi svuoterà di energie, altro che aiutarmi a sviluppare abilità e competenze per la vita.

Il fare non è sufficiente di per sé e, perché si possa davvero parlare di riabilitazione, ci vuole una cornice più generale.

Questa cornice più grande è il contesto umano, la relazione con le altre persone. Così, nella riabilitazione psichiatrica, il fare può diventare fare insieme agli altri, piegandosi intorni ai loro spigoli e auspicando che anche gli altri accolgano le nostre ruvidità. Un fare insieme che è scambio di idee, di affetti, di cose. È partecipazione a quello che si sta facendo, avere il diritto di dire la propria opinione e di essere ascoltati. È a questa negoziazione, a volte faticosa, a volte fluida, cui mi riferivo sopra, parlando di collaborazione tra pazienti e operatori.

Oggi, la riabilitazione psichiatrica  è sempre più “sul campo”, fuori dagli spazi istituzionali, e sempre più orientata a considerare i pazienti non come consumatori di servizi e di risorse, ma risorse loro stessi, non sacchi vuoti da riempire con le proposte più disparate, ma protagonisti che dicono la loro opinione sul loro percorso di cambiamento e cura, sui loro bisogni, produttori di significato.

Tutto questo può sembrare ovvio, ma ovvio non è, se consideriamo che per secoli ai cosiddetti folli nessuno ha mai chiesto nulla e se consideriamo che ancora adesso i pregiudizi su chi soffre di un disturbo mentale si sprecano: come ho già detto a proposito dei film sulla depressione e dei film in cui uno dei personaggi è affetto da schizofrenia, spesso film e libri contengono gravi inesattezze ed errori, ad esempio che la cura consiste prevalentemente nell’assumere farmaci o che chi è schizofrenico è per ciò stesso una persona violenta. Purtroppo, certi film possono contribuire ad alimentare un vero e proprio stigma, una disapprovazione costruita sulla base di alcuni dettagli: stigma è ad esempio ritenere una persona inaffidabile e smettere di frequentarla solo perché si è venuti a sapere che assume psicofarmaci.

Storie di città è allora un’importante operazione culturale, un modo originale, ironico, per avvicinarsi alla sofferenza mentale e, forse, per cominciare a pensare alla sofferenza mentale come parte integrante della condizione umana.

Storie di città. Itinerari del cuore… fatti con i piedi sarà presentato nuovamente venerdì 15 presso la Libreria AsSaggi, via degli Etruschi 4/14 (Roma), alle ore 20:00. Il volume è distribuito gratuitamente.

 

Photocredit: Luciana Cedrone

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, è responsabile dell’area prevenzione dei comportamenti a rischio in adolescenza per l’associazione PreSaM onlus. Nell’ambito dell’educazione alla salute e della peer education, ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli.

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tu cosa ne pensi?