Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | marzo 23rd, 2014

Le cose arrivano quando meno te l’aspetti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Programmare la propria felicità in maniera ossessiva serve solo ad allontanarla. Quando invece si porta lo sguardo su ciò che accade ora, nel presente, tutto può cambiare.

In questo periodo di crisi è facile incontrare persone che hanno perso il lavoro e di conseguenza vivono nella difficoltà di realizzare quello che si erano prefissati. Per esempio alcuni non possono più pagarsi il mutuo e realizzare il sogno di avere una casa tutta loro. Poi ci sono persone che si affliggono e rinunciano ai loro sogni, altre invece decidono di non disperarsi e provano a ricominciare tutto daccapo. Solo che a volte accade che più ci prefiggiamo un percorso e più la nostra vista si restringe, diventiamo per così dire miopi. Perdiamo di vista tutto il resto. Spesso l’infelicità trae origine proprio dai nostri desideri insoddisfatti.

Una storia come tante

Angela per esempio ha perso il lavoro. Per non perdersi d’animo incomincia ad inviare curriculum dappertutto. Ma non ottiene nulla di che, solamente frustrazione e un senso di ansietà che va aumentando giorno dopo  giorno. E’ agli sgoccioli, i risparmi stanno finendo e l’ultima scelta, quella meno allentante, si sta avvicinando, cioè tornare a vivere con i suoi genitori. E’ sempre più immersa nella sua disperazione, i pensieri gli girano continuamente nella mente come un disco rotto, sempre alla ricerca di una soluzione che non arriva mai. Sono giorni che non esce di casa. E’ in attesa di un segno, ma la situazione è quella che è e non ci può fare niente.

Un giorno, ormai stanca di attendere, esce di casa e distrattamente entra in un negozio di vestiti. Inizia a chiacchierare con il commesso. Dapprima pensa che questa persone è un tantino invadente perché le pone domande, gli racconta del lavoro che non gira come una volta. Angela pensa: “E lo viene a raccontare proprio a me? Almeno lui ha un lavoro!”.  E’ diffidente, sente un crescendo di antipatia verso di lui. Le viene quasi voglia di mandarlo a quel paese. Poi ad un tratti lui le chiede: “Che lavoro fai?”. Lei: “Ho perso il lavoro da qualche mese”. Lui “Mi dispiace, e di cosa ti occupavi?”.  Lei: “Lavoravo in una agenzia viaggi”.  Lui: “Ah!  Quindi sai le lingue! …qui vicino c’è un B&B e so che cercano una persona per occuparsi dei check-in che sappia le lingue. Non è un lavoro di alto profilo, ma la paga è buona”.

Per Angela questo forse non era esattamente il lavoro dei suoi sogni, ma a mali estremi accetta ringraziando. Tempo due giorni la chiamano per una prova che va bene. Presto Angela scopre che la società che gestisce il B&B in realtà ne controlla altri 10 in città ed è in crescita anche sul mercato estero. Si è aperta una possibilità.

coccinella felicità

Ripartire dalla realtà

 

Quando si smette di volere questo e quello, quando si smette di pretendere che le cose vadano in un certo modo, quando non ci si aspetta nulla dagli altri, quando non si dipende dagli altri è il momento che qualcosa accade.

L’accettazione della realtà, per quanto doloroso possa essere al momento, è l’unico modo per consentire il cambiamento della realtà stessa. Il cambiamento è un momento di caos, è preceduto sempre da una crisi più o meno forte perché si tratta di destrutturare e riorganizzare il proprio mondo interno, la propria personalità sulla base di nuove convinzioni. Quando si nega la realtà e non la si accetta, il cambiamento non avviene e la realtà si blocca nel grigiore, nel dolore e nella tristezza. 

Ci sono però persone che restano autenticamente serene in ogni circostanza poiché hanno sviluppato la fiducia in se stesse e la convinzione che i problemi sono fatti per essere risolti e, comunque vada, sanno che non succederà la fine del mondo e che le cose prima o poi si sistemeranno.

C’è chi sostiene che la felicità è senza tempo, non segue orologi e ne scadenze. Arriva quando non la vai a cercare. Angela ha smesso di cercare il lavoro ideale e di riprendersi la vita tale e quale a prima del suo licenziamento. Ha accettato la situazione in cui era capitata, facendo così ha avuto modo di aprirsi al mondo esterno, anche se ancora con qualche piccola riluttanza. Questo le ha permesso di cogliere l’opportunità che la vita le ha messo davanti e di andare a fare una prova per un lavoro che solo qualche giorno prima avrebbe certamente rifiutato. Spesso le cose arrivano quando si smette di cercarle ossessivamente e ci si apre a nuove possibilità e all’incontro con l’altro.

 

 
Per consulenze psicologiche, psicoterapia, seminari o altre richieste, puoi scrivere a Gioele D’Ambrosio oppure telefonargli al 339.7098160.

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti a Le cose arrivano quando meno te l’aspetti

  • alessandro

    le cose arrivano quando meno te l’aspetti .. potrebbe anche essere bello MA il problema che spesso arrivano quando NON ci crediamo più, talmente tanto da NON riuscire a coglierle e allora la vita diventa un inferno senza fine.

  • Maria

    il vecchio adagio che “chi cerca trova” è quanto di più errato. Perché tutti constatiamo che quando smettiamo di cercare, qualcosa arriva, questa è una sensazione unanime. Mi domando solo perché è cosi’, quasi dobbiamo trarre un insegnamento, che non siamo artefici di nulla, ma che le cose ci provengono da un altro piano, o quanto meno è tutto già scritto.

Tu cosa ne pensi?