Promozione del benessere psicologico

chiedi una consulenza psicologica gratuita a roma

Il primo colloquio di consulenza psicologica con gli psicologi e psicoterapeuti di Qui Psicologia è gratuito. Chi non abita a Roma può fissare un appuntamento per una consulenza via telefono o via Skype.
Chiamaci oggi e Prenota il tuo colloquio gratuito!
Sarà l’occasione per fare esperienza di cosa voglia dire prendersi cura di se stessi.

Iscriviti alla newsletter di Qui psicologia

Per rimanere aggiornato sugli articoli di Qui psicologia, inserisci la tua mail nel box qui sotto e iscriviti alla newsletter:

Scritto da | giugno 3rd, 2012

Depressione in adolescenza: un velo nero copre ogni cosa

  • 82
  •  
  • 7
  • 3
  •  
  •  
    92
    Shares

La depressione in adolescenza

La depressione è una condizione psicologica che può presentarsi in ogni età della vita, dall’infanzia all’adolescenza all’età matura, anche se in modo diverso. Aspetti comuni sono l’apatia, cioè l’indifferenza verso ogni attività o persona, e l’anedonia, che è la perdita della capacità di provare piacere.

Nell’adolescenza è necessario però non confondere la condizione di depressione, che è patologica e che comprende altri sintomi oltre a quelli riportati sopra, dalla dolorosa e spesso triste riflessione su di sé e il senso dell’esistenza che è abbastanza consueta in questa fase della vita. Detto altrimenti, non tutti gli adolescenti sono depressi.

 

depressione in adolescenza

Come capire se un adolescente è depresso

Oltre all’apatia e all’anedonia che lo spingono a vedere tutto come privo di senso e inutile, l’adolescente depresso sente dentro di sé una tristezza lancinante, un “umor nero”.

La perdita d’interesse per qualsiasi cosa si alterna a volte a improvvisi entusiasmi per le attività più banali o alla ricerca frenetica di stimoli nuovi che lo scuotano dal torpore.

Spesso si dice stanco, con le pile scariche, anche se ha dormito parecchie ore e soffre di cefalea o di mal di pancia. Mangia poco e nelle ragazze si può configurare un disturbo del comportamento alimentare quale l’anoressia o la bulimia.

Trascorre molto tempo nella sua camera, da solo, immerso in videogiochi o in programmi televisivi che gli evitino il contatto con la sua sofferenza, con il suo non sentirsi all’altezza delle richieste che gli fa il mondo esterno, non in grado di confrontarsi con i suoi coetanei né di soddisfare le aspettative dei genitori, impotente, vuoto, schiacciato dalla colpa per non essere abbastanza bravo, abbastanza bello, terrorizzato dalla possibilità di non piacere a nessuno, di non essere voluto da nessuno. Oppure non fa nulla. L’adolescente depresso non riesce a progettare il suo futuro.

Sempre coi nervi tesi, pronto a scattare per un nonnulla, annoiato, inquieto, attanagliato dal senso di vuoto, incapace di mantenere la concentrazione su un argomento, il suo rendimento a scuola cala e preferirebbe non andarci più.

A volte può difendersi da tutto ciò assumendo droghe o alcool o approdando ad altri comportamenti a rischio. Può procurarsi dei tagli o farsi delle bruciature con le sigarette.

 

Il gesto estremo: il suicidio

Per alcuni adolescenti, soprattutto se è stato già commesso da un coetaneo loro amico o da un parente e se in famiglia sono presenti conflitti molto aspri dei quali si ritengono responsabili, il suicidio appare l’unica via d’uscita da un dolore insopportabile, da una solitudine senza rimedio, da una depressione insanabile.

Il suicidio in cui la depressione a volte sfocia è per gli adolescenti maschi la terza causa di morte (la prima sono gli incidenti stradali, la seconda i tumori).

 


Ne Il giardino delle vergini suicide, se Therese, Mary, Bonnie e Lux scelgono il suicidio, è dovuto almeno in parte al fatto che anche Cecilia, loro sorella, si è suicidata.

 

Oltre a questi, altri elementi possono legarsi alla decisione di suicidarsi e sono dunque utili per prevenire un tale gesto. In particolare:

  • atteggiamento molto critico verso se stessi e la vita;
  • una morte recente in famiglia;
  • uso di sostanze;
  • comportamento aggressivo o impulsivo;
  • una storia famigliare con depressione ricorrente;
  • una storia di abuso e violenza in famiglia;
  • minacce e/o tentativi di suicidio;
  • dichiarazioni scritte e/o verbali che riguardano la morte, l’intenzione di morire, l’assenza di voglia di vivere (ad esempio, “vorrei addormentarmi e non svegliarmi più”);
  • attrazione per la morte e il morire;
  • disfarsi delle cose più care o lasciare le proprie volontà.

Questi fattori di rischio e le poche risorse personali e sociali che il soggetto ha per affrontare la sua depressione fanno sì che eventi come una discussione molto accesa, una bocciatura a scuola, una delusione sentimentale siano vissuti come insostenibili: per far fronte a essi la morte appare l’unica soluzione. Questi eventi sono come l’urto che manda in frantumi una lastra di vetro già scheggiata.

 

mai far finta di non vedere

Far finta di nulla non risolverà la situazione.

Mai far finta di niente

È abbastanza raro che un tentativo di suicidio venga fuori dal nulla o che una depressione sia del tutto invisibile. Gli elementi elencati sopra, una estrema tristezza, l’isolamento, le difficoltà scolastiche, le anomalie del sonno sono tutti segnali d’allarme che genitori e insegnanti non dovrebbero sottovalutare.

Sebbene sia difficile e gravoso farlo, parlare con l’adolescente depresso è l’unica strategia con cui aiutarlo: da solo l’adolescente può non riuscire a riflettere su quanto gli accade e, per raccontarlo a se stesso e a un’altra persona, ha bisogno di sentirsi sostenuto. Ha bisogno di sentire che le sue idee e le sue emozioni hanno una dignità e vengono accolte, senza essere minimizzate o messe in ridicolo.

Quando la sofferenza dell’adolescente è talmente grande da non essere contenibile neanche dai genitori, è necessario l’intervento di un professionista, psicologo o neuropsichiatra infantile, che consenta all’adolescente di riprendere il suo cammino di crescita.

 

Per approfondire

Quando un adolescente è depresso

6 film sulla depressione, da Melancholia a Vivere

Hikikomori: isolarsi per troppa vergogna e dire no al conformismo

Tagliarsi e sentirsi meglio: cutting e autolesionismo

Perché è così difficile chiedere aiuto a uno psicologo?

Andare dallo psicologo o da uno psicoterapeuta? Perché dovrei farlo?

Ansia o depressione: cosa NON dire a chi ne soffre

 

Photo credit: http://www.sxc.hu/profile/trublueboy | WikiCommons

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli .

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  • 82
  •  
  • 7
  • 3
  •  
  •  
    92
    Shares

Tu cosa ne pensi?