Facebook isola e allontana dalla vita reale?

  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    23
    Shares

Facebook non isola dalla vita reale ed è un modo per mantenere e sviluppare i contatti con le persone che già si conoscono nella realtà: i contatti su Facebook non prendono il posto della vita sociale concreta. L’idea che la presenza su Facebook riduca le relazioni faccia a faccia non trova infatti conferma nelle analisi sinora svolte da psicologi e sociologi.

 

facebook ci isola dalla vita reale

Facebook ci lega alla vita reale?

Facebook isola dal reale?

Facebook è per la maggior parte dei suoi utilizzatori un modo per mantenere e dare nuova linfa a relazioni con persone che già si conoscono e con cui si condividono idee, passioni e interessi: è innanzitutto un canale per rafforzare le relazioni già esistenti nella realtà e soltanto in seconda battuta un canale per crearne di nuove. Le amicizie accettate da chi non si è mai incontrato sono di solito abbastanza poche.

Tuttavia, per effetto della disinibizione online, alcune persone cambiano su Facebook il modo in cui parlano di se stesse: in questo caso, la comunicazione su temi significativi passa attraverso Facebook, e non dall’interazione faccia a faccia.

Lo stile in cui si è dentro Facebook è abbastanza simile a come si è nella vita reale. Gli estroversi hanno molti amici, dentro e fuori Facebook, e, ad esempio, usano Facebook per organizzare eventi di vario tipo; i timidi hanno pochi amici.

Le persone con bassa autostima, impacciate, che si sentono sole e forse lo sono, apprezzano molto Facebook, perché rende loro più facili i contatti con gli altri. Per chi ha difficoltà nell’avvicinarsi alle altre persone, Facebook è usato come una fonte di legami sociali deboli, cioè legami che non sono intimi ma consentono uno scambio d’informazioni che è comunque proficuo.

 

Qualche cautela è d’obbligo

C’è però un problema: proprio perché è un’esperienza piacevole, il tempo che dedicano a quest’attività può crescere a dismisura.

facebook ci intrappola

Facebook ti ha intrappolato?

Alcune persone con bassa autostima e tratti depressivi possono arrivare a una vera e propria dipendenza da Facebook, in cui Facebook diventa un chiodo fisso. Come in qualsiasi dipendenza, la soluzione che viene trovata per il problema è finta e rende le cose ancora più complicate e dolorose.

Non è dunque Facebook di per sé a indurre dipendenza: non avendo altre risorse, personali, materiali o sociali, cui attingere o, come nel caso degli adolescenti, attratti da un mondo virtuale in cui sperimentarsi con i loro pari e lontano dagli adulti, Facebook può essere utilizzato per attutire uno stato di malessere preesistente e diventare un rifugio.

 

Per approfondire

Ellison N. B., Steinfield C., Lampe C. (2011). Connection strategies: Social capital implications of Facebook-enabled communication practices. New Media & Society. 13:873-892.

Dipendenza da Internet: un test per misurarla

Facebook: perché lo usiamo?

Facebook aiuta a non sentirsi soli?

Quante cose diciamo di noi su Facebook?

Fa bene o fa male? Facebook e gli adolescenti

Adolescenti su Facebook: i genitori dovrebbero preoccuparsi?

 

Photo credit: freerange | Stock.xchng

 

Rosalia Giammetta, psicologa e psicoterapeuta, si occupa di adulti e adolescenti, a Roma. In particolare, è specialista in disturbi d’ansia e depressione e nella prevenzione dei comportamenti a rischio. Ha condotto numerose attività di formazione e ha pubblicato il volume L’adolescenza come risorsa. Per saperne di più, visita la sua pagina personale e leggi gli altri articoli .

Per consulenze psicologiche, psicoterapia, scrittura di progetti, seminari o altre richieste, puoi scriverle una mail su rosaliagiammetta@quipsicologia.it oppure telefonarle al 349.8195168 e prendere un appuntamento.

 


  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    23
    Shares

Rosalia Giammetta

Psicologa, psicoterapeuta a orientamento psicodinamico, specialista in disturbi d'ansia, esperta in psicologia dell'adolescenza e dinamiche di gruppo, progettista. Leggi gli altri articoli di Rosalia Giammetta.